Circolare n. 127619 del 1 ottobre 2015. Circolare in materia di mobilità infradipartimentale ed interdipartimentale dei dipendenti dell’Amministrazione regionale

circolare 127619 del 1 ottobre 2015

Per scaricare la circolare clicca sopra l’immagine

Pubblicata ufficialmente nella pagina dell’Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica la circolare 127619 del 01/10/2015 in materia di mobilità interdipartimentale ed infradipartimentale del personale della Regione Siciliana.

Mobilità. Ecco la circolare di Pistorio che “disciplina” i trasferimenti (fonte www.codir.it)

Circolare-mobilita-Pistorio

Per scaricare la circolare dal sito www.codir.it clicca sopra l’immagine

Inviata a tutti i giornali la circolare di Pistorio sulla mobilità che il COBAS/CODIR non ha sottoscritto e ha rispedito al mittente.

Come si vede ancora non c’è protocollo, data e firma.

Ma, si sa! Quello che importa all’assessore è fornire ai giornali materiale di discussione sui regionali.

Fornire gli atti amministrativi a chi ne ha istituzionalmente diritto diventa un fatto secondario.

Il COBAS/CODIR, comunque, valuterà con i propri legali l’impugnativa delle parti relative alla mobilità discrezionale e senza regole, che, a nostro avviso, è palesemente illegittima.

Breve valutazione di carattere generale sulla circolare in attesa di un esame più approfondito.

La circolare non risolve il vero problema degli uffici regionali e cioè la carenza di personale nei dipartimenti.

Uno studio recente relativo alla dislocazione del personale regionale negli uffici ha dimostrato che nelle province siciliane presta servizio il il 50% in più di personale rispetto che a Palermo e le province distano da Palermo ben più di 50 km.

Prendiamo l’esempio tanto abusato del centro per l’impiego di Castelvetrano (circa 130 dipendenti). Castelvetrano dista da Palermo circa 114 km. E gli esempi si possono moltiplicare.

Anche volendo prendere in considerazione la provincia di Palermo, i comuni madoniti distano da Palermo circa 100 km. Cefalù 78, etc. etc..

Mi sembra riduttivo che una circolare presentata alla stampa, con tanto di intervista di Pistorio al tgs, serva solo per trasferire qualche povero disgraziato del circondario di Palermo.

La verità è che, al di là della propaganda, con questa circolare e con l’intuitu personae la politica ha voluto mettere il naso anche nella gestione dei trasferimenti.

Mobilità. Firmata la circolare che detta le nuove regole per i trasferimenti

Firmata la circolare per i trasferimenti

Giornale di Sicilia del 3 ottobre 2015. Per scaricare l’articolo dal sito dell’Ars clicca sopra l’immagine

Via libera alle nuove regole per il trasferimento dei dipendenti regionali da un ufficio a un altro. L’assessore al Personale, Giovanni Pistorio, ha firmato ieri la circolare con cui stabilisce le nuove procedure. La firma arriva dopo la rottura con i sindacati che, nell’ultimo incontro all’Aran, non hanno condiviso le proposte del governo.

Le nuove regole affidano poteri ai dirigenti generali e fissano una serie di criteri a cui questi devono attenersi. In alcuni casi è la giunta regionale a intervenire, il limite massimo entro cui è possibile essere trasferiti è di 50 chilometri dalla sede di lavoro (distanza già stabilita da una norma nazionale). Via libera anche all’assegnazione straordinaria, ossia la possibilità di indicare nominativamente chi viene trasferito: in questi casi la mobilità deve rientrare in fattispecie precise. L’interpello resta applicabile solo in casi eccezionali.

Inps, arriva la circolare sul congedo parentale: via alle procedure

Arriva dall’Inps la tanto attesa circolare sulla procedura per far richiesta del congedo parentale a ore. A diffonderla è lo stesso Istituto.

La misura si riduce, però, alla facoltà di stare a casa necessariamente per metà giornata. Un utilizzo più flessibile, per esempio con un numero inferiore di ore al giorno, sarà possibile solo attraverso la contrattazione.

Circolare prot. n. 99685 del 23 luglio 2015. Modifiche agli artt. 51 e 52 della L.r. 9/2015

Nota-n.-99685-del-23-lug-2015-Circolare-L.R.n.12_2015_0

Per scaricare la circolare clicca sopra l’immagine

L’Assessore alla Funzione Pubblica ha emesso una circolare esplicativa (comprensiva dei nuovi fac simile di decreto) relativa alla recente modifica, approvata all’ARS degli articoli 51 e 52 della legge 9/2015.

La circolare non fa altro che ribadire quanto già riportato nella L.r. 10 luglio 2015 n. 12.

Nuova circolare su permessi retribuiti e malattia. La Funzione Pubblica chiarisce che per la legge 104 nulla è cambiato

Nota Funzione Pubblica - Disposizioni in materia di permessi

Per scaricare la circolare clicca sopra l’immagine

Nei giorni scorsi il Cobas/Codir ha segnalato che alcuni dirigenti, sia di uffici centrali che periferici, hanno imposto, a coloro che ne hanno diritto, la quantificazione dei permessi retribuiti ex legge 104/92 esclusivamente in ore anche nell’ipotesi di permesso fruito per l’intera giornata lavorativa sebbene nessuna innovazione sia intervenuta a livello nazionale sulla legge di che trattasi, contravvenendo a quanto stabilito dalle norme vigenti ed applicate in tutti i comparti del pubblico impiego.

Purtroppo alcuni dirigenti ritengono (ahimè!) che una finanziaria regionale possa modificare una legge nazionale con buona pace della gerarchia delle fonti.

Il Dipartimento della Funzione Pubblica ha chiarito questo aspetto lasciando comunque irrisolta l’altra questione posta dal Cobas/Codir e cioè quella di escludere dalla decurtazione, in caso di malattia, l’indennità di amministrazione.

Articoli correlati

Circolare malattie e permessi. L’indennità di amministrazione non va decurtata e la legge 104 non può essere modificata da una legge regionale

Richiesta-rettifica-Circ...malattie-e-permessi

Per scaricare la nota clicca sopra l’immagine

A proposito dei primi 10 giorni di malattia, la circolare prot. n. 75007 del 4 giugno 2015 ha inserito tra le voci soggette a decurtazione anche l’indennità di amministrazione che invece, ai sensi dall’art. 81 comma 2 lett. a) del CCRL 2002-2005 del comparto non dirigenziale tutt’oggi vigente, costituisce una delle voci che contribuisce a formare la retribuzione base mensile e che, pertanto, andrebbe esclusa dalle voci soggette a decurtazione.

Il Cobas/Codir ha chiesto la rettifica di suddetta circolare.

È stata segnalata, inoltre, l’interpretazione errata di suddetta circolare da parte di taluni dirigenti relativamente alla fruizione dei permessi ex legge 104 che non può, in ogni caso, essere modificata da una legge regionale o, men che meno, da una circolare.

Circolare del 4 giugno 2015 sul nuovo trattamento di permessi retribuiti e malattie

nota-n.-75007-del-04.06....permessi-retribuiti

Per scaricare la circolare clicca sopra l’immagine

L’Assessorato delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica ha emanato la circolare esplicativa in materia di permessi retribuiti e malattie della L.R. 9/2015. La regolamentazione con legge di queste norme di natura contrattuale sarà anche oggetto di ricorso da parte del nostro sindacato ma fino ad allora le nuove regole, seppur illegittime, avranno efficacia.

Circolare n. 70272 del 25 maggio 2015. Riforma sistema pensionistico e collocamenti in quiescenza anticipati

Riforma-sistema-pensionistico-Circolare 70272 del 25 maggio 2015

Per scaricare la circolare clicca sopra l’immagine

Ecco la circolare n. 70272 del 25 maggio 2015, esplicativa degli articoli 51 e 52 della l.r. 7 maggio 2015, n. 9 – Riforma del sistema pensionistico e collocamenti in quiescenza anticipati.

A mio avviso, e con l’impegno a essere piu preciso nei prossimi giorni, la richiesta di collocamento in quiescenza equivale a dimissioni volontarie.

Se non verrà modificata la norma specificando la possibilità di revocare l’istanza (di tale questione è stata investita l’Aran Sicilia), qualora nei prossimi mesi o anni dovesse intervenire un innalzamento dei requisiti anagrafici o contributivi a livello nazionale (come già avvenuto con la Monti-Fornero nel decreto cd. “salva Italia”), potrebbero crearsi nuovi esodati. Ripeto, questa è la mia opinione. Il mio suggerimento è quello di non essere precipitosi è attendere ulteriori chiarimenti prima di presentare la domanda.

La circolare contiene nella parte finale i modelli di istanza, diversi a seconda della tipologia, che dovranno essere utilizzati dai richiedenti.