Crea sito

Gli immobili della Regione? Li acquisterà il Fondo Pensioni (con i nostri soldi)

Le quote del fondo immobiliare Fiprs attualmente in mano alla Regione saranno acquistate dal Fondo pensioni dei dipendenti regionali.

L’operazione sul Fiprs, che detiene la proprietà del patrimonio della Regione, era stata prevista dal governo Crocetta ma adesso viene portata avanti dall’esecutivo Musumeci: una delibera degli ultimi giorni del 2019 ha infatti dato il via agli uffici per realizzare la vendita delle quote del fondo.

Anche nell’ultimo giudizio di Parifica non sono mancati i dubbi della Corte dei Conti.

La norma regionale non rispetterebbe così l’autonomia dell’ente previdenziale ma per i sindacalisti del Cobas-Codir Dario Matranga e Marcello Minio la situazione dal punti di vista dell’autonomia sarebbe ancora più grave. “Chiediamo – affermano i due sindacalisti – l’immediata nomina del consiglio d’amministrazione dell’ente: un commissario nominato dalla parte venditrice che impone pure il prezzo di vendita può garantire l’autonomia dell’ente previdenziale? Non si può inoltre non considerare – aggiungono – il fatto che gli enti previdenziali (compreso Inps) stanno dismettendo tutti gli immobili in linea a quelle che sono le buone pratiche consigliate in questo momento storico”.

Buco da 7 miliardi e la Regione aumenta gli stipendi a più di 1300 dirigenti e prepara nuove assunzioni. Su facebook la risposta del prof. Massimo Costa

l “ritocco” è stato quantificato mediamente in 209 euro lordi mensili a testa ed è legato a un rinnovo contrattuale a lungo attesi. Così, gli stipendi base oscilleranno tra i 45mila agli oltre 60mila euro lordi annui, a seconda della fascia dirigenziale. Intanto si prepara anche una bella infornata di nuovi assunti. Dove? Nei Centri per l’impiego, lo stesso settore che sull’isola impiega già il 20% degli addetti del Paese.


Spett. Fatto Quotidiano,e p.c. a Live Sicilia.Vedo che il Direttore di Live Sicilia, Accursio Sabella, è ospite fisso…

Gepostet von Massimo Costa am Donnerstag, 2. Januar 2020