Crea sito

PUBBLICO IMPIEGO – In arrivo una norma salva-stipendi per i dipendenti pubblici costretti all’assenza per coronavirus

Il Sole 24 Ore del 27 febbraio 2020

Nel secondo decreto Coronavims dovrebbe trovare spazio una norma salva-stipendi per i dipendenti pubblici costretti all’assenza dagli effetti collaterali dell’emergenza sanitaria. I tecnici sono al lavoro per costruire la veste giuridica alla nuova regola, in vista dell’approvazione del decreto che potrebbe arrivare al consiglio dei ministri atteso sabato, ma il principio è chiaro. E punta a dare una copertura alle amministrazioni per riconoscere integralmente le giornate di lavoro, sia sul piano retributivo sia su quello contributivo, che sono saltate per la sospensione dei servizi, senza costringere i dipendenti a ferie o permessi o all’assenza per malattia che tagliala parte accessoria della busta paga.

Cosa prevede la Finanziaria regionale. Le risorse arriveranno dal Fondo pensioni e da nuove intese con Roma o saranno lacrime e sangue

Una delle misure inserite in finanziaria è la cessione al Fondo pensioni dei regionali della partecipazione del Fiprs per un totale di 50,4 milioni. Alla fine dell’anno la Regione ha avviato il processo di cessione previsto durante il governo Crocetta e nei primi mesi del 2020 è stata nominata la commissione di valutazione degli immobili. Il valore base della partecipazione è stato calcolato in circa 23 milioni e alla commissione è stato lasciato il compito di trovare il valore reale che al momento è stimato a circa il doppio.

La legge di conversione del decreto milleproroghe: le norme per il personale

tratto da cmgoceano.it
La legge di conversione del decreto milleproroghe: le norme per il personale.
di Arturo Bianco
Ampliamento dei termini entro cui le pubbliche amministrazioni possono effettuare stabilizzazioni di personale precario e di quelli necessari per la maturazione della esperienza richiesta, prolungamento ed ampliamento degli spazi per le progressioni verticali, possibilità di scorrimento delle graduatorie anche per posti di nuova istituzione, modifica delle regole sulle assunzioni per i comuni che non rispettano per valori ridotti i parametri di virtuosità nel rapporto tra spesa del personale ed entrate correnti.
Possono essere così sintetizzate alcune delle principali novità in materia di personale dettate dalla legge di conversione del d.l. n. 162/2019, cd milleproroghe, che la Camera ha approvato in prima lettura e che è in fase di approvazione definitiva da parte del Senato….QUI l’articolo completo

Assenze per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici

Un dipendente chiede di assentarsi per l’intera giornata, utilizzando cumulativamente i permessi orari per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostiche, di cui all’art.35 del CCNL delle Funzioni Locali del 21.5.2018. Ove dall’attestazione presentata si evinca che la prestazione abbia avuto una durata limitata e che anche cumulata con quella dei tempi di percorrenza non copra completamente l’orario di lavoro giornaliere cui il dipendente era tenuto  nella giornata di assenza, come devono essere valutate e giustificate le ore non ricomprese nell’attestazione e nei tempi di percorrenza?

L’art. 35, comma 9, del CCNL delle Funzioni Locali del 21.5.2018, espressamente, dispone che l’assenza per la fruizione dei permessi orari per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici deve essere giustificata mediante attestazione di presenza, recante informazioni anche in ordine all’orario delle visite, terapie, ecc., rilasciata dal medico o dal personale amministrativo della struttura che le hanno effettuate.

Nella domanda, evidentemente, il dipendente indicherà anche la prevista durata del permesso di cui intende fruire.

Pertanto, sulla base della disciplina contrattuale, non può non ritenersi sussistente una  relazione tra la durata visita, terapia ecc. e le ore di permesso fruito, al fine di consentire una applicazione dell’istituto coerente con le finalità perseguite con lo stesso (pur prendendo atto della opportunità di ammettere margini di flessibilità per tenere conto, ad esempio,  di quei fattori  di variabilità connessi ai tempi di percorrenza, che potrebbero risentire di fattori esterni o accidentali, come traffico, mezzo utilizzato, imprevisti di altro tipo ecc.).

Pur se l’art. 35, comma 5, del CCNL del 21.5.2018 prevede la possibilità di fruire anche cumulativamente dei permessi orari di cui al comma 1 per la durata dell’intera giornata lavorativa (con incidenza sul monte ore computata con riferimento all’orario di lavoro che avremmo dovuto osservare per tale giornata), ai fini di una valutazione complessiva della situazione determinatasi per la corretta applicazione dell’istituto, non sembra possa prescindersi, comunque, dalle risultanze delle attestazioni di presenza e degli orari ivi indicati, sia pure tenendo conto di quei margini di flessibilità di cui si è detto.

Ove emergano significative discrepanze orarie, ad avviso della scrivente Agenzia, l’ente potrebbe, comunque, valutare, secondo principi generali di correttezza e buona fede, di richiede specifici chiarimenti al dipendente.

VALUTAZIONE DEL PERSONALE 2019. COBAS/CODIR E SADIRS BOCCIANO I CRITERI PROPOSTI DALL’ARAN

Palermo, 24 febbraio 2020
Dopo avere bocciato, in sede di confronto, il nuovo “Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa e individuale CHE COSTITUIRÀ, già a partire dal 2019, IL NUOVO STRUMENTO ATTRAVERSO CUI VERRÀ, EROGATO IL SALARIO ACCESSORIO, il COBAS/CODIR e il SADIRS hanno bocciato, non sottoscrivendolo, anche l’accordo sui criteri di attribuzione nei premi correlati alla performance proposto dall’Aran.
Diverse le motivazioni:

1. La centralizzazione. Un sistema di valutazione unico per tutta la regione e la centralizzazione dei criteri di attribuzione dei premi non consente, fra l’altro, di tenere conto delle specificità di taluni Uffici. Ciò in palese contrasto con quanto avviene nello Stato dove ciascun Ministero ha il proprio sistema di valutazione, pur nell’ambito delle Linee Guida emanate dal ministero della Funzione Pubblica, e i propri criteri di attribuzione dei premi. Giova ricordare che l’atto di indirizzo dell’Assessore delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica prot. n. 114523 del 17 ottobre 2018 ha individuato il “Comparto Funzioni Centrali” quale quadro contratuale di riferimento.

2. La disparità di trattamento. Il dirigente che consegue una valutazione insufficiente (inferiore a 70) perde, correttamente, solo la parte dell’indennità di risultato pari al 30%, invece il personale del comparto, incredibilmente, con una valutazione insufficiente (inferiore a 60), percepirà ORA una quota di salario accessorio pari a zero, contrariamente al sistema adottato in precedenza che ha previsto l’erogazione di un compenso minimo pari al 70% per la partecipazione al piano di lavoro.

3. L’iniquità del nuovo SMVP relativamente ai criteri per l’attribuzione dei premi. Il dirigente valutato più che sufficiente (da 70 a 76 punti) percepisce un premio, tra parte variabile e risultato, pari all’85%. Un lavoratore del comparto con un punteggio “buono” (tra 70 e 80), percepisce un premio del 70%.

4. La mancanza di bilanciamento tra comparto e dirigenza. La valutazione gerarchica assegna un ruolo dominante alla dirigenza. E’ accaduto troppo spesso che i dirigenti abbiano valutato il comparto senza la necessaria obiettività vanificando il compito di valorizzare il merito e, conseguentemente, l’erogazione dei premi per i risultati conseguiti oltre alle refuenze che suddeta valutazione avrà nei confronti di progressioni orizzontali e verticali.

5. La differenziazione del premio individuale. Un premio aggiuntivo (30% in più) attribuito ad alcuni lavoratori senza criterio o senza una valutazione obbiettiva da parte dei dirigenti rischia di demotivare i lavoratori esclusi.

Ritenendo, quindi, che il nuovo “Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa e individuale non costituisca uno strumento idoneo a valorizzare il merito del personale né è atto a creare un clima di benessere organizzativo, e ciò a discapito della produttività e del buon andamento di tutto il Comparto Regione, se ne chiede l’immediata revoca e il ripristino della situazione ex ante al fine di evitare l’innescarsi, inevitabile, di tensioni, dagli sviluppi imprevedibili tra comparto e dirigenza e tra comparto e amministrazione nel suo complesso. COBAS/CODIR e SADIRS, in ogni caso e come sempre, saranno al fianco, con ogni supporto anche di carattere legale, di tutti coloro che saranno fatti segno di ingiustizie inaccettabili che scipperebbero, inopinatamente, dalle loro tasche risorse destinate anche alle loro famiglie.

Progressioni verticali estese – Selezioni riservate per il 30% dei posti. E fino al 2022

ItaliaOggi del 21 febbraio 2020

tratto da Italia Oggi

DECRETO MILLEPROROGHE/ Le novità del dl approvato in prima lettura dalla Camera
Progressioni verticali estese – Selezioni riservate per il 30% dei posti. E fino al 2022
di Matteo Barbero
Più spazio per le progressioni verticali. Il decreto legge Milleproroghe (approvato ieri dalla camera con 256 voti favorevoli e 169 contrari, su cui il governo aveva posto la fiducia) estende al triennio 2020-2022 la possibilità di attivare procedure selettive per i passaggi di livello tra le aree riservate al personale di ruolo. Inoltre, la percentuale dei posti per tali procedure selettive riservate è elevata (dal 2020) al 30% dei posti previsti nei piani dei fabbisogni come nuove assunzioni consentite per la relativa area o categoria.
L’art. 1, comma 1-ter, del dl 162/2019 modifica l’art. 22, comma 15, del dlgs 75/2017, ai sensi del quale «per il triennio 2018-2020, le pubbliche amministrazioni, al fine di valorizzare le professionalità interne, possono attivare, nei limiti delle vigenti facoltà assunzionali, procedure selettive per la progressione tra le aree riservate al personale di ruolo, fermo restando il possesso dei titoli di studio richiesti per l’accesso esterno».
La riportata disposizione ha introdotto e disciplina una tipologia di progressione verticale del tutto particolare, utilizzabile per un periodo ben definito, prescrivendo modalità di avanzamento di carriera oggettivamente deroganti rispetto alle previsioni dell’art. 5, comma 1-bis, del dlgs n. 165/2001, il quale statuisce, per le progressioni verticali, quale unica «strada», un concorso pubblico, con riserva non superiore al 50% dei posti.
In sintesi, come chiarito dalla giurisprudenza contabile, la particolare procedura prevista dal dlgs n. 75/2017 si caratterizza per:
1) la rispondenza a una facoltà, non certo ad un obbligo, delle amministrazioni di attivare tali particolari progressioni verticali;
2) la circoscrizione al solo triennio 2018-2020, periodo temporale nell’ambito del quale la singola procedura deve essere attivata, non essendo necessario che venga anche conclusa;
3) l’adempimento dell’onere motivazionale, nel senso che l’attivazione delle progressioni verticali, in quanto strumento derogatorio ed eccezionale di passaggio tra aree o categorie rispetto al pubblico concorso, dovrà risultare adeguatamente motivata dalla necessità o dall’opportunità di dare valore, sviluppare e perfezionare professionalità, che già sussistono nell’ambito dell’assetto dotazionale dell’ente;
4) la consumazione degli spazi assunzionali derivante dalle progressioni verticali in parola, con la conseguenza che, laddove si eserciti la facoltà consentita dalla norma, occorre essere consapevoli che l’assunzione del dipendente interno erode il budget assunzionale di quel particolare anno.
Ora, come detto, il Milleproroghe estende la previsione sia sul piano temporale, spostando il relativo orizzontale in avanti fino al 2022, sia sul piano quantitativo, elevando la percentuale massima al 30%. Ricordiamo, al riguardo, che secondo alcune Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti (ad esempio, quella della Campania, che si è espressa con la deliberazione n. 103/2019), tale percentuale deve essere applicata al totale dei posti previsti per i concorsi di pari categoria e non al numero di posti previsti per i concorsi di qualsiasi categoria.

Corte dei conti Sezione controllo Regione Siciliana deliberazione n. 174/2019 Enti locali – Lavoratori precari – Stabilizzazioni

Corte dei conti
Sezione controllo Regione Siciliana deliberazione n. 174/2019
Enti locali – Lavoratori precari – Stabilizzazioni

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale
I magistrati contabili si esprimono in ordine alle procedure da seguire per l’assunzione da parte degli Enti locali siciliani di personale precario. A tale riguardo richiamano il parere del Consiglio di Stato n.916/2017 – Commissione speciale in sede di funzione consultiva – nonché la sentenza della Corte di Giustizia Europea -sez. III sentenza 26 novembre 2014 – che, con specifico riguardo alle procedure di assunzione, evidenziano: “nel considerare che la previsione delle assunzioni dirette costituisce una rilevante eccezione al principio del concorso pubblico di cui all’art. 97 Cost., la cui inderogabilità è stata più volte ribadita dalla Corte costituzionale, la deroga al principio del pubblico concorso – se contenuta entro ragionevoli norme di carattere eccezionale e transitorio, funzionali al buon andamento e a straordinarie esigenze di interesse pubblico – possa rinvenire adeguata giustificazione nell’esigenza di tutelare la peculiare situazione dei lavori che, per anni e magari decenni, hanno prestato attività lavorativa in favore della pubblica amministrazione a causa dell’utilizzo abusivo dei contratti di lavoro flessibile. Ad ogni modo – puntualizza l’organo di giustizia amministrativa – “purché il personale da stabilizzare sia stato all’epoca assunto, seppure a tempo determinato, mediante procedura concorsuale”, poiché, la norma finalizzata all’eliminazione del precariato, non potrebbe condurre all’esito di una surrettizia – e inammissibile – sanatoria generale”. Inoltre, i giudici contabili, su tale tematica, registrano il consolidato orientamento della giurisprudenza costituzionale che, “a fronte di speciali disposizioni volte ad autorizzare la stabilizzazione del personale precario, ha fermamente censurato l’illegittimità di norme che genericamente disponevano “il requisito del previo superamento di una qualsiasi selezione, ancorché pubblica, perché tale previsione non garantisce che la previa selezione abbia natura concorsuale e sia riferita alla tipologia e al livello delle funzioni che il personale successivamente stabilizzato è chiamato a svolgere» (sentenza n. 127 del 2011, che richiama le sentenze n. 235 del 2010 e n. 293 del 2009; Corte costituzionale, sentenza n. 277/2013, par. 6.3.1).”In ogni caso, la sezione ha ribadito che è ascrivibile all’esclusiva discrezionalità dell’Ente fare ricorso o meno alla procedura di stabilizzazione “in quanto costituisce atto di amministrazione attiva – concernente la gestione del personale – l’individuazione della sussistenza di tutti i requisiti previsti dalla normativa vigente”.

Corte Costituzionale Sentenza n. 5 del 3/12/2019 Pubblico impiego – Regioni-Personale enti pubblici economici – accesso per pubblico concorso – Necessità Procedure di stabilizzazione – graduatorie regionali – Proroga fino alla conclusione della procedura di stabilizzazione – illegittimità Contratti di collaborazione – proroga – illegittimità

Di Jastrow (Opera propria) [Public domain], attraverso Wikimedia CommonsCorte Costituzionale
Sentenza n. 5 del 3/12/2019
Pubblico impiego – Regioni-Personale enti pubblici economici – accesso per pubblico concorso – Necessità
Procedure di stabilizzazione – graduatorie regionali – Proroga fino alla conclusione della procedura di stabilizzazione – illegittimità
Contratti di collaborazione – proroga – illegittimità

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale
La Corte, con la presente sentenza, afferma che il transito automatico – senza prevedere alcuna verifica di professionalità – nell’organico della Regione Basilicata del personale dipendente a tempo indeterminato degli enti pubblici economici o di società a totale partecipazione pubblica, in servizio da almeno cinque anni presso gli uffici regionali (art. 24 della legge della Regione Basilicata n. 38/2018) sia in contrasto con il principio del pubblico concorso per l’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni (art 97 Cost.) e con il principio secondo cui tutti i cittadini possono accedere agli uffici pubblici in condizioni di uguaglianza (art.3 e 51 Cost.). La Corte si pronuncia, inoltre, riguardo alla disciplina derogatoria introdotta dalla Regione Basilicata (dall’art. 47 comma 1 L reg. Basilicata n. 38/2018), in materia di proroga “fino alla conclusione delle procedure di stabilizzazione” delle graduatorie relative alle selezioni riservate. Dichiara l’illegittimità della norma per violazione dei principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica stabiliti dal legislatore statale (art.1 co. 1148 lett.a) L. n. 205/2017) che proroga al 31 dicembre 2018 l’efficacia delle graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato, vigenti alla data del 31 dicembre 2017 e relative alle amministrazioni pubbliche soggette a limitazioni delle assunzioni. Lo scorrimento delle graduatorie e la relativa proroga per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione delle stesse (L. Finanziaria 2008) si inseriscono nel quadro dei principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica in una prospettiva di riapertura delle procedure concorsuali e dello sblocco delle assunzioni, con la riaffermazione della centralità del concorso pubblico di cui all’art. 97 Cost. In materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche si è introdotta la mera facoltà di ciascuna pubblica amministrazione di indicare nel bando di concorso il numero dei candidati idonei rispetto ai posti disponibili, senza incidere sulla validità delle graduatorie che sono state in via eccezionale prorogate. Con ciò si stabilisce un principio fondamentale di coordinamento della finanza pubblica, vincolante per la Regioni. La Corte altresì censura, la proroga disposta dall’ art. 53 dalla Legge della Regione Basilicata in materia di contratti di collaborazione coordinata e continuativa presso enti e strutture connesse all’amministrazione regionale, in quanto contraddice la natura temporanea delle prestazioni richieste ed elude la disciplina del rapporto di lavoro subordinato.