Crea sito

Esuberi o stabilizzazioni nella P.A.? Il Governo Letta procede senza logica

Che nessuno dei Ministri del Governo Letta stia brillando particolarmente, è ormai chiaro. L’impressione è che si tiri solo a campare.

L’unico ministro che pare essere più attivo è il Ministro della Funzione Pubblica Giampiero D’Alia. Il problema è che l’ordine e il filo logico degli obiettivi che si propone non appare nettissimo.

Da un lato, infatti, ha dichiarato che intende proseguire il controllo della spesa per il personale pubblico, l’attuazione della spending review….Pa, il neoministro D’Alia: spending review sì, ma della burocrazia….. e la riduzione delle dotazioni organiche….Statali: «Esuberi inesorabili», dall’altro parla di stabilizzazione dei precari….Stabilizzazioni, atto secondo.

Le stabilizzazioni avverrebbero mediante concorsi definiti un po’ furbescamente “pubblici”, ma sostanzialmente riservati ai “precari” della pubblica amministrazione….Stabilizzazioni. Pronto il Dl che blinderà 270mila lavoratori a termine. Fino al 2015 concorsi riservati a precari Pa.

Ciò ha fatto insorgere l’ex ministro della Funzione Pubblica Brunetta….P.A./ Brunetta: Letta blocchi D’Alia su concorsi ad hoc precari.

La risposta di D’Alia non si è fatta attendere….Pa, D’Alia a Brunetta: Norme lavoro pubblico in linea con le sue.

La verità è che D’Alia ha dimenticato in fretta quanto dichiarato al momento della sua nomina a ministro “Il Governo punterà a incentivare i dipendenti pubblici che fanno il proprio dovere e a isolare chi non lavora – dice il Ministro al Gr1 – “La crescita economica dipende anche dal tasso di efficienza della Pubblica Amministrazione, perché le imprese investono solo se hanno la possibilità di dialogare con uno Stato trasparente ed efficiente. Per questo, l’obiettivo sarà far crescere il livello di produttività nel pubblico impiego, incentivando i dipendenti pubblici che fanno il loro dovere e isolando coloro i quali invece, non lavorando, creano sacche di inefficienza e di corruzione. La parola d’ordine sarà distinguere tra chi lavora e chi non lavora”…..D’Alia: “Spending review della burocrazia. E valorizzare chi lavora”

Pubblicato da benedettomineo

Dirigente sindacale Cobas/Codir