Silvio lancia il ministero della terza età e ritiene “doveroso” alzare le pensioni minime a 1.000 €

Il Tempo del 20 novembre 2017

Silvio Berlusconi vuole il voto degli anziani, suo storico bacino. In un messaggio video al congresso nazionale di Federanziani il leader di Forza Italia annuncia che il centrodestra dovesse vincere le elezioni “ci sarà una novità importante quella di un ministero della terza età”.

L’ex Cav torna a cavalcare anche un altro suo storico cavallo di battaglia sul tema delle pensioni. “Riteniamo moralmente doveroso aumentare i minimi pensionistici a 1000 euro al mese per tredici mensilità”, dice aggiungendo che ciò deve valere anche “per le nostre mamme che hanno lavorato tutti i giorni a casa e che devono poter avere la possibilità di trascorrere una vecchiaia serena e dignitosa”.

9 thoughts on “Silvio lancia il ministero della terza età e ritiene “doveroso” alzare le pensioni minime a 1.000 €

  1. Perchè i giornalisti non gli chiedono, come fanno ai 5S, dove li prende i soldi?

  2. Non credo che lo potra’ fare ma sa’ come prendere i voti.
    Gli si chiede da dove prende i soldi, sono ca…. suoi, perchè non si è chiesto a Renzi dove ha preso gli 80 €, intanto li ha trovati .

  3. Adesso si cominciano a criticare le parole, ovvie, di uno che cerca voti.
    Il Fatto sta che i Siciliani lo hanno premiato e riportato ai vertici, adesso cosa ci criticate non lo capisco.
    A vero…. a chi chiedi a hai dato il votato si risponde , non a Berlusconi, ma vince per virtu’ dello spirito santo.

  4. Si, come il milione di posti di lavoro promessi un tempo o le l’irpef per tutti al 18% . Altre campagne elettorali, altre bugie. Goditi la vecchiaia ex cav. non sei credibile (come tutti gli altri del resto) .Siamo proprio messi male, non perdono le cattive abitudini di sparare bugie sotto elezioni.

  5. La destra, rispolvera le vecchie cazzate, ponte sullo stretto,pensioni a 1000 euro, nuovi posti di lavoro etc.etc., tanto è sicuro che gli italiani credono ancora che l’asino può volare. E dove ha fallito la sinistra, ora è meglio provare la destra, questo è il cambiamento a cui aspirano gli italioti.Alla fine ci meritiamo di essere governati così come un gregge di pecore che seguono il capo branco anche in fondo ad un burrone.

  6. Semplice basta avere il coraggio di fare alcune operazione e possiamo dare sostegno ai meno ambienti, diminuire il numero dei parlamentari come si è fatto in Sicilia, togliere qualche vitalizio di troppo, e gli stipendi dei senatori a vita, perchè gia vivono con una pensione di nababbi, e si può avere un risparmio di milioni di euro, del resto queste operazioni li fanno già le famiglie quando non arrivano alla fine del mese, lo Stato non rappresenta una famiglia allargata o no!!!!!.quindi………

  7. ma ancora c’è chi crede a questa mummia? e vent’anni che prende per i fondelli gli italiani, ha fatto solo le leggi per favorire le sue aziende e i suoi innumerevoli processi, è adesso se ne esce con la pensione minima a mille euro? ma va……..va…….va…………. in pensione e non rompere più i marroni!

  8. Qualcuno ci ha tentato a levare il senato, gli italiani furbi non gli lo hanno permesso.

  9. Il governo con il suo ministro dell’economia dice sempre che il pilo è in aumento, certo, si capisce proprio in questi tempi non si rade nessuno!!!, sembra una sciocchezza, ma, di questi tempi di vacche magre, un rasoio costa!!!, come fà un povero disgraziato a radersi anche a casa sua?, timidamente, prova a radersi ogni 6 mesi quando può!!!. altrimenti è costretto a farsi crescere la barba per l’intero anno!!!.
    Abbiamo creato un milione di posti di lavoro, ma, dove in Italia? bisogna rivolgersi alla trasmissione di chi l’ha visto!!!! Dobbiamo fare rientrare i cervelli che sono fuggiti dall’Italia, per fare cosa, per vivere in Italia da precari, già sono in esubero quelli che ci vivono, coraggio il ricambio generazionale è in corso, gli Italiani emigrano e altri entrano, tra un decennio di questo buon governo chi pagherà le tasse, per mantenere questa struttura che si sta deteriorando?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *