Dirigenti sindacali e fruitori ex legge 104 “inamovibili” bloccherebbero la mobilità? LA VERITÀ SUI MANCATI TRASFERIMENTI DI PERSONALE

Per scaricare il comunicato clicca sopra l’immagine o vai al sito www.codir.it

E’ giunta l’ora di fare chiarezza e porre termine a questa ridicola pantomima messa in piedi sulla paventata impossibilità di trasferire personale regionale a causa di seimila, tra dirigenti sindacali e fruitori di legge 104, dichiarati inamovibili come se ciò, ammesso che fosse vero, fosse il reale motivo ostativo per il mancato rilancio dell’amministrazione.

In realtà la verità è un altra: nelle ultime sedute del CODIPA (organismo che riunisce tutti i dirigenti generali della Regione Siciliana) è emerso che TUTTI i direttori regionali hanno chiesto nuovo personale e quindi, va da sé, che nessuno sia disposto a cederne. Questa è l’unica, incontestabile, verità che sfata le dichiarazioni di taluni amministratori, date in pasto alla stampa, per addossare colpe inesistenti ai sindacati e ai fruitori di Legge 104 per nascondere la realtà che, invece, è sotto gli occhi di chi, ogni giorno, opera all’interno di questa pubblica amministrazione da sempre tristemente serva dal potere politico.

Alla politica siciliana, infatti, conviene che le cose restino così! Il percorso intrapreso, infatti, dai rappresentanti del nostro governo regionale è fin troppo chiaro: smaltire gli organici attraverso pensionamenti anticipati penalizzanti, mantenere le strutture regionali in deficit di organico e costringere, così, il cittadino a rivolgersi ai politici per rivendicare i propri diritti o accelerare il rilascio di un servizio richiesto.

Ma c’è di più, al fine di potere dare risposte clientelari ai loro fedelissimi e per bypassare il blocco delle assunzioni nelle pubbliche amministrazioni, i nostri cari politici fanno in modo di bloccare la mobilità del personale (ribadiamo comunque impossibile per carenza generalizzata del personale) al fine di non ostacolare l’assunzione di centinaia di unità di personale esterno della cosiddetta assistenza tecnica (assunti senza concorso e secondo procedure selettive a nostro avviso non compatibili con l’articolo 3 e 97 della Costituzione) come se, all’interno dell’amministrazione, non ci fossero già le professionalità richieste.

Nella Regione Siciliana, poi, non è mai stata fatta (nonostante alcuni sindacati lo abbiano sempre richiesto) una pianta organica con i carichi di lavoro dei dipendenti né un reale fabbisogno delle figure professionali utili all’Amministrazione, motivo, questo, in più per smentire le ridicole dichiarazioni che i dirigenti sindacali e i fruitori di Legge 104 impediscano la mobilità di personale.

Chi alimenta queste false accuse per coprire questa vergogne clientelari ha solo da vergognarsi!

www.codir.it