Crea sito

I regionali trattati come “carne da macello” e oggi si comincia anche a morire!

Palermo, 23 marzo 2020 –

Nella tarda serata di ieri, in ambienti sindacali e della stessa Amministrazione regionale siciliana, si auspicava che, con la firma dell’ennesimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri per la lotta alla diffusione del covid 19, già a partire dalla mattinata di oggi, fossero resi esecutivi gli atti necessari per consentire al personale regionale, non assimilabile a servizi essenziali, di rimanere al proprio domicilio avviando la pratica del tele lavoro o lavoro agile.
Purtroppo non è bastato questo ulteriore atto dispositivo urgente da parte del Presidente Conte per rendere consapevole taluna dirigenza generale siciliana che, ancora oggi, gioca a fare “l’azzeccagarbugli” di turno sulla pelle e sulla salute dei lavoratori con il rischio di contribuire all’espansione del contagio. In molti casi, inoltre, anche in presenza di precise disposizioni dei Dirigenti Generali, i Dirigenti delle strutture intermedie si attardano e ne ostacolano l’attuazione, rendendosi di fato responsabili di una violazione delle norme che non esiteremo a denunciare nelle sedi competenti.
I sopra citati “azzeccagarbugli” dimenticano evidentemente che, in questo periodo di emergenza, “ il lavoro agile è la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa nelle pubbliche amministrazioni ”.
Questo significa che non occorre alcuna istanza da parte dei dipendenti essi sono da considerare ex lege in lavoro agile. Al contrario, occorrerebbe un provvedimento espresso e motivato per assegnare dipendenti ad attività che richiedono la presenza in ufficio.
A questa grave situazione va aggiunto anche l’intempestivo e inopportuno cambio al vertice del Dipartimento regionale Lavoro che, visto il momento e l’insediamento del nuovo dirigente generale che non è ancora nel pieno esercizio delle funzioni, ha fato ripiombare l’intero settore nell’immobilismo totale.
“I dipendenti regionali, degli enti e società a essa collegata hanno diritto alla salvaguardia della propria salute e di quella delle proprie famiglie al pari di tute le famiglie italiane – dichiarano i sindacati Cobas/Codir, Sadirs, Cgil-Fp, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Ugl-Fna – è inaccettabile che sulla loro incolumità pesi l’incompetenza e l’inadeguatezza di taluna dirigenza che offende l’intera burocrazia regionale compresa
quella parte che, invece, emana, con coscienza e competenza, le proprie direttive conseguenziali”.
“Al fine di scardinare, poi, questo stato di stallo e mettere di fronte al fatto compiuto tutti quei dirigenti ‘temporeggiatori’ e inadempienti, distribuiremo a tutti i lavoratori, nella giornata di oggi, un modello con il quale comunicheranno di essere a disposizione dell’Amministrazione presso il proprio domicilio”.
“Nel contempo, visto il lungo lasso di tempo intercorso con numerose diffide presentate in alcuni pezzi d’Amministrazione senza che abbiano prodotto risultati – concludono le segreterie dei sindacati dei regionali – ci vediamo costretti, senza ulteriori indugi, nell’interesse primario della salute pubblica, a presentare immediatamente circostanziate denunce alle autorità sanitarie, ai prefetti e alle Procure della repubblica competente esercitando anche una attenta attività di vigilanza sulla salubrità e sulla sanifcazione degli uffici regionali nonché sulle valutazioni ai fini economici di tutti quei dirigenti generali compartecipi di questa grave impasse”.
“Mentre scriviamo, infine, come una sorta di triste conferma dei pericoli gravissimi da tanti giorni denunciati, arriva notizia della morte del Direttore del Parco Archeologico di Siracusa entrato in contato, nei giorni scorsi, con dei visitatori risultati successivamente positivi al coronavirus”.

Le Segreterie regionali

CGIL FP    CISL FP    UIL FPL    COBAS-CODIR    SADIRS    UGL Fna


Coronavirus. Morto Calogero Rizzuto, direttore del Parco archeologico di Siracusa

Pubblicato da benedettomineo

Dirigente sindacale Cobas/Codir

3 Risposte a “I regionali trattati come “carne da macello” e oggi si comincia anche a morire!”

  1. Che si devono chiudere il 90% degli uffici regionali è una esigenza inconfutabile e doverosa da parte dei nostri governanti e dirigenti .
    Ma che si debba fare sempre una campagna affiche’ vengano criticati ( giustamente ) gli impiegati regionali è un’altra cosa.
    Ma come si puo’ pronunciare una frase come ( Regionali Carne da Macello ) quando una popolazione, di medici, infermieri, forze dell’ordine, croce rossa addetti alla sanificazione delle strade. Rischiano la vita sua e dei propri cari ogni giorno.
    Come si puo parlare di regionali carne da macello , quando i commessi e chi lavora ai supermercati, ai trasporti alimentari, ci garantiscono ogni giorno di mettere il mangiare a tavola.
    Con la differenza che i Medici e gli infermieri, come le forze dell’ordine hanno fatto un giuramento all’atto di intraprendere quella carriera, quindi è messo nel conto che in caso di emergenza sarebbero stati in prima linea. I commessi con 600.00 euro al mese non avevano messo alcun che, non avendo mai immaginato questa situazione.
    Quindi Dott. Mineo, non so da dave o a chi è venuta questa infelice frase, ma credo doveroso per la dignita’ degli stessi sindacati ritirarla.
    Capisco che gli verra’ duro pubblicare questo mio commento, ma almeno salvate il salvabile, con una mitigazione e/o ritiro del testo pubblicato.

  2. @paolo sanzone
    Riconosco la validità delle osservazioni, ma era un comunicato diretto alla platea dei regionali, non un comunicato stampa diretto a tutti.

  3. Grazie comunque , della pubblicazione delle mie osservazioni, almeno non è stata data divulgazione all’esterno di una frase un po fuori luogo, che avrebbe giustamente scatenato una canea legittima dei gia tanti ammiratori dei dipendenti regionali.

I commenti sono chiusi.