Un chiarimento per tutti coloro che chiedono delucidazioni sui requisiti per accedere alla pensione (in fondo alla pagina i requisiti pre fornero inseriti in finanziaria)

Gli attuali requisiti per accedere alla pensione sono quelli dettati dalla legge Monti-Fornero.

Per effetto di suddetta legge, dal 1° gennaio 2012 si può andare in pensione per vecchiaia o in pensione anticipata, mentre anzianità e quote non esistono più.

Pensione di vecchiaia

Ecco i requisiti di età per l’accesso alla pensione di vecchiaia che tengono conto dell’adeguamento alla speranza di vita.

Pensione di vecchiaiaPensione anticipata

Requisiti contributivi minimi per il diritto alla pensione anticipata a decorrere dal 1° gennaio 2012 che tengono conto anche dell’aspettativa di vita.

Pensione anticipata

Requisiti pre Fornero

(Attenzione! A seguito dell’approvazione della legge finanziaria, i seguenti requisiti si applicano per il prepensionamento dei dipendenti regionali che dovessero raggiungerli al 31 dicembre 2016. L’applicazione della finestra 2017-2020 è legata al via libera di Roma)

PENSIONE DI VECCHIAIA

Aspettativa di vita

PENSIONE DI ANZIANITÀ

Riforma pensioni - Sacconi. Quote

428 thoughts on “Un chiarimento per tutti coloro che chiedono delucidazioni sui requisiti per accedere alla pensione (in fondo alla pagina i requisiti pre fornero inseriti in finanziaria)

  1. Ma dove sta scritto nel disegno di legge approvato che per il prepensionamento dal 2017 al 2020 si aspetta il via libera del Governo nazionale? Si allude al via alla legge entro 2 mesi dalla pubblicazione?

  2. @giusi
    Esiste una sostanziale differenza nella formulazione dei commi 2 e 4.
    Al comma 2 si dice che i dipendenti dell’amministrazione regionale possono essere
    collocati in quiescenza
    …..
    Al comma 4 si dice che i dipendenti che, nel periodo dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2020 (……) possono
    presentare la domanda
    (non essere collocati in quiescenza). Il concetto, comunque, è stato spigato da Baccei in commissione bilancio, basta guadare i video delle sedute.

    2. I dipendenti dell’Amministrazione regionale che, dalla data di pubblicazione
    della presente legge e sino al 31 dicembre 2016, risultino in possesso dei requisiti
    per l’accesso al trattamento pensionistico in base alla disciplina vigente prima
    dell’entrata in vigore dell’articolo 24 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201,
    convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, possono essere
    collocati in quiescenza
    , entro un anno dal raggiungimento dei requisiti, a domanda
    da presentarsi entro 60 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione della presente
    legge. La mancata presentazione della domanda entro il predetto termine comporta
    la decadenza dal beneficio del collocamento anticipato in quiescenza ai sensi del
    presente comma.

    4. Al fine di ridurre ulteriormente la spesa per il personale in servizio e di
    contenere la spesa pensionistica a carico del bilancio della Regione siciliana, i
    dipendenti che, nel periodo dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2020, maturino i
    requisiti per l’accesso al trattamento pensionistico in base alla disciplina vigente
    prima dell’entrata in vigore dell’articolo 24 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n.
    201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, possono
    presentare la domanda
    di collocamento anticipato in quiescenza entro il termine
    perentorio di cui al comma 2.

  3. Non vorrei essere RIPETITIVO , per favore dove si trova nella finanziaria la parte che indica che per la finestra 2017-2020 ci vuole il via libera di Roma. Grazie

  4. @giuseppe 1982
    Anche a te rispondo ciò che ho risposto a giusi.
    Esiste una sostanziale differenza nella formulazione dei commi 2 e 4.
    Al comma 2 si dice che i dipendenti dell’amministrazione regionale possono essere
    collocati in quiescenza…..
    Al comma 4 si dice che i dipendenti che, nel periodo dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2020 (……) possono
    presentare la domanda (non essere collocati in quiescenza). Il concetto, comunque, è stato spigato da Baccei in commissione bilancio, basta guadare i video delle sedute.

    2. I dipendenti dell’Amministrazione regionale che, dalla data di pubblicazione
    della presente legge e sino al 31 dicembre 2016, risultino in possesso dei requisiti
    per l’accesso al trattamento pensionistico in base alla disciplina vigente prima
    dell’entrata in vigore dell’articolo 24 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201,
    convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, possono essere
    collocati in quiescenza, entro un anno dal raggiungimento dei requisiti, a domanda
    da presentarsi entro 60 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione della presente
    legge. La mancata presentazione della domanda entro il predetto termine comporta
    la decadenza dal beneficio del collocamento anticipato in quiescenza ai sensi del
    presente comma.

    4. Al fine di ridurre ulteriormente la spesa per il personale in servizio e di
    contenere la spesa pensionistica a carico del bilancio della Regione siciliana, i
    dipendenti che, nel periodo dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2020, maturino i
    requisiti per l’accesso al trattamento pensionistico in base alla disciplina vigente
    prima dell’entrata in vigore dell’articolo 24 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n.
    201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, possono
    presentare la domanda di collocamento anticipato in quiescenza entro il termine
    perentorio di cui al comma 2.

  5. Buongiorno ti chiedo cortesemente una chiarimento sul mio caso, io sono entrato nel febbraio 1980 oggi ho contributi 35 anni e 3 mesi sono del 06/08/1961 facendo dei calcoli io devo fare pure la domanda in quando nel 2019 ho 58 anni + 39 anni e mesi 6 sommando fanno 97 e 6 mesi potrò usufruire di questa riforma? ciao e grazie

  6. @serafino
    mi pare che lo specchietto nell’articolo che tu commenti sia abbastanza chiaro.

  7. Gentilissimo Dott. Benedetto Mineo,
    vorrei chiederLe se i requisiti per il prepensionamento previsti dalla legge finanziaria si applicano anche ai dipendenti dell’Amministrazione regionale “contratto 2” (ruolo post 1986).
    Grazie

  8. @francesca
    La legge non fa distinzione. La differenza sta nella penalizzazione.

    comma 2 art. 54 approvato: “I dipendenti dell’Amministrazione regionale che, dalla data di pubblicazione
    della presente legge e sino al 31 dicembre 2016, risultino in possesso dei requisiti
    per l’accesso al trattamento pensionistico in base alla disciplina vigente prima
    dell’entrata in vigore dell’articolo 24 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201,
    convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, possono essere
    collocati in quiescenza, entro un anno dal raggiungimento dei requisiti, a domanda
    da presentarsi entro 60 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione della presente
    legge. La mancata presentazione della domanda entro il predetto termine comporta
    la decadenza dal beneficio del collocamento anticipato in quiescenza ai sensi del
    presente comma”.

  9. Grazie Dott. Benedetto Mineo per la Sua tempestiva risposta.

  10. Quindi fino al 31.12.2016 occorre un’età di 61 e sette mesi e 36 di contributi. Giusto?
    Chi ci arriva dal 2017 al 2020 deve presentare la domanda. La collocazione senza altri pareri è fino al 31.12.2016. Dal 2017 al 2020 vi sono tanti paletti, credo, da collegare ad una futura pianta organica, o no? L’unica cosa non chiarita è per chi rientra nel personale in pensione fino al 31.12.2016, e per chi è entrato alla Regione dopo il 1986 ma avendo prestato servizio nello Stato dal 1985, riconosciuto alla Regione con due leggi regionali n.53/85 e n.11/88, dovrebbe entrare tra il personale entrato prima del 1986. Pertanto entrerà nel comma 1 dell’ art. 53/54 della Finanziaria e nell’art.10 comma 2-3 della legge regionale n.21/86. Cav.Ing. Gaspare Barraco.Marsala.

  11. caro mineo, avrei due dubbi, spero tu me li chiarisca:
    1) adesso ho 59 anni e sei mesi e 39 anni e 2 mesi di contributi ; in base allo schema pubblicato ho una quota superiore a 98, posso accedere al prepensionamento entro il 2015?
    2) se un dipendente accetta il prepensionamento in base all’articolato di questa finanziaria, ha diritto ad eventuale ricorso?
    ti ringrazio anticipatamente

  12. Grazie Benedetto. Però il comma 6, a mio parere, prevede il possibile contingentamento del personale che ha fatto domanda e l’obbligo, in ogni caso, di porlo in pensione entro 1 anno dalla maturazione del diritto. A prescindere dal chiarimento di Baccei, non ti sembra possibile questa interpretazione della norma? No comment sulla “genialitá” di Baccei e di suo compare Faraone

  13. @nicola
    Per il raggiungimento della quota occorrono due requisiti minimi e tu ne raggiungi uno solo. Dovrai attendere altri 10 mesi per i 40 anni di contributi.
    Per la seconda domanda, sarà uno dei quesiti che dovremo porre all’attenzione dell’avvocato.

  14. Dott. Mineo il TFR viene penalizzato, a chi va in pensione entro il 2016.

  15. @Salvatore
    pare che la buonuscita non venga toccata

  16. Gentilissimo Dott. Benedetto Mineo,
    al 31/12/2015 ho questi requisiti:
    61 anni 4 mesi e 8 giorni di età e
    37 anni 2 mesi e 21 giorni di contribuzione
    assunto con la legge 285
    quando posso andare in pensione
    grazie

  17. @leone
    guarda l’ultima tabella pubblicata nell’articolo

  18. caro mineo, scusa ancora, che differenza c’è, oltre al fatto temporale, nell’ andare in pensione nel 2016 o nel 2015 ?

  19. Grazie Dott. Benedetto Mineo, ho guardato la tabella e rientro nei requisiti, ultima domanda la decuratazione del 10% mi viene applicata

  20. Solo per capire bene per andare in pensione il requisito minimo è aver compiuto 61 anni?

    Faccio un esempio oggi mi trovo con 36 anni di contribuzione posso andare in pensione tenendo conto che ho 55 anni?

  21. @nicola
    nessuna differenza, la penalizzazione è uguale.

  22. @jerry
    in teoria (legge permettendo) potresti andare a 59 anni con 40 anni di contributi.

  23. Egr.Dott. Mineo al 31/12/2015 ho 36 anni e tre mesi di servizio compreso il servizio militare già riscattato e 61 e sette mesi di età vorrei sapere se ci posso andare al 31/12/2015 o al 31/12/2016 . Grazie

  24. @paolo
    se il riscatto è stato effettuato e risulta tutto al fondo pensioni, hai i requisiti per potere essere collocato in quiescenza.

  25. Gentile Benedetto grazie per cortese risposta , ma non ha risposto alla domanda . Si e’ vero che i commi 2 e 4 dell’art.54 citano il ” possono presentare domanda ” etc etc , ma e’ anche vero che il commin a 6 dello stesso art. 54 ” l’obbligo dell’Amministrazione di collocarli i n quiescenza entro l’anno dalla maturazione dei requisiti ” . Ma della famigerata norma statale nessuna traccia . Una piccola precisazione : Giuseppe 1282, potrebbe essere utile un domani . GRAZIE

  26. @giuseppe
    non è ad una norma statale a cui si fa riferimento, ma al fatto che, con la soppressione del commissario dello stato, sarà il consiglio dei ministri che esaminerà la finanziaria e, stando a quanto dichiara Baccei durante le sedute della commissione bilancio (puoi passarti la curiosità di guardarle a questo link https://benedettomineo.altervista.org/approvate-stanotte-in-commissione-bilancio-le-norme-relative-allarmonizzazione-del-sistema-pensionistico-finestra-al-2016-ora-la-parola-passa-allaula/) a seguito delle interlocuzioni con il ministero della funzione pubblica, il sottosegretario avrebbe espresso remore per l’apertura della finestra al 2020.

  27. Dott. Mineo ho 55 anni compiuti il 08/12/2014, sono un dipedente regionale sono entrato il 02/01/1980 quando potro’ andare in pensione nel 2019 0 2020, penso che la decurtazione sia del 15%, ovviamente devo fare la domanda entro 60 giorni dalla pubblicazione della finanziaria, a proposito ad oggi quanti anni di servizio ho perche’ ho il dubbio di avere 34 o 35. La saluto mi scusi della domanda cosi’ lunga la ringrazio per la sua pazienza.

  28. Egr. Dott.Mineo vorrei chierLe una precisazione riguardo alla NON penalizzazione – a partire dal 2015 – per chi va in pensione anticipata. Sono andata in pensione il 1° dicembre 2014 con 41 anni, 6 mesi e 15 gg di contributi versati, di cui 4 anni di riscatto laurea, età anagrafica 60 anni e 10mesi. Ho subito la penalizzazione prevista dalla legge Fornero perché non avevo i 62 anni e per i contributi figurativi relativi al riscatto laurea . Le nuove disposizioni che dal 1/1/2015 non prevedono più la penalizzazione si applicano dal 2015 anche al mio caso? grazie

  29. @Grazia Sanfilippo
    No. La legge non ha effetto retroattivo.

  30. @francesco
    a distanza di 5 anni è difficile effettuare calcoli. Esistono in rete dei calcolatori che effettuano calcoli molto approssimativi. Puoi provare a mettere i dati e vedere la proiezione che ne esce fuori.

  31. Al 31 dicembre 2020 avrò 41 anni e 3 mesi di contributi ed età anagrafica 60 e sette mesi. Posso andare in pensione con questa legge regionale e quando?
    Grazie

  32. @marco
    la pre fornero prevede il collocamento in quiescenza solo con 40 anni di contributi, quindi se la finestra dovesse rimanere aperta fino al 2020, fatti un po’ di conti.

  33. Gent. Dottor Mineo.Vorrei avere delle delucidazioni sulla mia situazione lavorativa.Sono stata assunta il 16\ 02\94\. Ho 61 a Novembre 2015 compirò 62 anni. Faccio parte della categoria non vedenti, lavoro come centralinista.Tenuto conto dei 2 mesi annui di scivolo quando potrò andare in pensione? La ringrazio se vorrà rispondermi.

  34. @lucia
    A decorrere dal 20 aprile 1985, ai centralinisti non vedenti viene riconosciuto, a richiesta, per ogni anno di servizio effettivamente svolto presso pubbliche amministrazioni o aziende private, il beneficio di 4 mesi di contribuzione figurativa utile ai soli fini del diritto alla pensione e dell’anzianità contributiva.
    Per quanto riguarda il requisito di accesso, leggi l’articolo cliccando sul link che segue http://www.lineaamica.gov.it/risposte/pensione-vecchiaia-requisito-anagrafico-non-vedenti-e-invalidi-misura-non-inferiore-all80

  35. Dott. Mineo, ponendo il caso che il Consiglio dei Ministri approvi la finestra al 2020, io con gli attuali 30 anni di servizio (compreso militare + ricongiunzione) e 62 anni di età, potrei rientrarci ?

  36. @Agostino
    le tabelle sono abbastanza chiare. Occorrono 36 anni di contributi.

  37. buongiorno sono una collega sono stata assunta il 01/10/1979 e compio 60 anni il 01/08/2015,
    ho 18 mesi di ricongiunzione periodi assicurativi in attesa di sapere quanto dovro’ pagare, e 5 mesi di astenzione obblicatoria prima dell’assunzione nella pubblica amministrazione regionale. vorrei saper se potro’ andare in pensione entro il 2016 grazie

  38. @ettore
    i contributi ti dovrebbero bastare. Per l’età fatti un po’ il conto. Ti occorrono 61 anni e 7 mesi. Se non faccio male i conti, dovrebbero mancare 3 mesi per avere accesso alla pensione.

  39. ho 61 anni e potrei raggiungere la “quota” 97 e 7 , a maggio 2016 con 62 anni e 2 mesi e 35 e 5 mesi di contribuzione, posso andare in pensione o devo arrivare ai 62 e 7 mesi per forza e quindi andarci a ottobre ?

  40. @salvatore
    stiamo parlando di dettagli, 4 masi (estivi) volano. Presumo che dovrai aspettare ottobre.

  41. Dott. Mineo, gentilmente Le chiedo di darmi informazioni sulla mia situazione, indipendentemente che la finanziaria sarà valutata dal Consiglio dei Ministri.
    Al 31 dicembre 2020 avrò 59 anni e 11 mesi di età con 39 anni e 9 mesi di contributi.
    Quando potrò andare in pensione?
    Grazie per il Suo lavoro di informazione.
    Luigi Ceraulo

  42. @luigi ceraulo
    ammesso e non concesso che apriranno la “finestra”, ti mancano entrambi i requisiti, e quello contributivo per soli 3 mesi.

  43. Gent.mo Dott. grazi grazie per il suo autorevole intervento. Mia moglie è nata il 20-11-1954 ed è stata assunto il 20-11-1979 . Al 31-12-2015 avrà raggiunto l’età 61 ann1 mese e 10gg. e avrà maturato 35 anni 11 mesi e 11 gg. di SERVIZIO

  44. Gent.mo Dott.grazie , grazie per il suo autorevole intervento:Mia moglie è nta 20-11-54 assunta 20-11-79. Al 31-12-15 raggiunge ANNI 61-1 mese 10 gg. con SERVIZIO ANNI 35 11

  45. Dott.Mineo grazie per il suo autorevole intervento .Mia moglie è nata il 20-11-54 ,assunta il 20-11-79 . Al 31-12-15 avrà ANNI 61 mese 1 e giorni 10 , SERVIZIO 35 anni mesi 11 giorni 11
    si può fare la somma di età e servizio per raggiungere requisiti pre fornero ed andare in pensione al 31-12-15 senza penalizzazione grazie

  46. @giuseppe
    purtroppo la penalizzazione verrà applicata a tutti, anche a coloro che compiono il requisito post fornero, tanto per intenderci.

  47. Gentilissimo Dott. Benedetto Mineo,
    vorrei chiederLE, se la decurtazione del 10% e la media dei trattamenti stipendiali degli ultimi cinque anni per coloro che maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2016, si applica indifferentemente ai dipendenti dell’Amministrazione regionale ” contratto 1″ e “contratto 2”, oppure a questi ultimi viene applicata una diversa decurtazione e una diversa media?
    Grazie

  48. @francesca
    La decurtazione si applica solo al contratto 1.

  49. Benedetto a quando una simulazione di pensione per le quattro categorie ? Grazie e buon lavoro.

  50. il Consiglio dei Ministri non devo approvare nulla, può al limite impugnare la norma davanti alla Corte Costituzionale, ma ho la sensazione che ciò non avverrà anche in considerazione del fatto che a redigere il disegno di legge sia stato proprio Baccei in continuo collegamento con il sottosegretario della Presidenza del Consiglio.

    in ogni caso la norma appena pubblicata sarà IN VIGORE, a differenza di quanto accadeva prima infatti…..non esiste la possibilità di pubblicazione parziale con omissis delle parti impugnate dall’allora Commissario del Governo.

    anche un eventuale ricorso del CDM non sospenderà gli effetti se non dal giorno della pubblicazione della sentenza stessa.

  51. DOTT. MINEO LA RINGRAZIO PER LA RISPOSTA DATAMI AL MIO QUESITO BUON LAVORO

  52. Salve, mi pare di capire che il requisito per potere andare sicuramente in pensione entro il 31/12/16 sia il raggiungimento entro tale data della quota 97 e 7 mesi, fermo restando i requisiti minimi di 35 anni di contributi ed i 61 anni e 7 mesi di anzianità anagrafica. Ad Ottobre 2016 avrò 62 anni e 3 mesi di età e 35 anni e 4 mesi di anzianità contributiva Tot. 97 e 7 mesi. Ho raggiunto, come penso, a questa data i requisiti per la pensione?

  53. @carlo
    la quota 97 e 7 mesi deriva dalla somma di due requisiti. Quello anagrafico deve essere obbligatoriamente di 61 anni e 7 mesi o 62 anni e 7 mesi.

  54. sono dipendente della regione sicilia nato il 07/09/1952.
    alla data odierna ho 40 anni e 4 mesi di servizio.
    quando posso andare in quiescenza?

  55. @angelo
    lo prevede la pre fornero. Leggi l’articolo con attenzione.

  56. Dott. Mineo, al 31/12/2015 avro’ 61 anni 9 mesi e 3 gg essendo nata il 28/03/1954 e 35 anni e 4 mesi di anzianita contributiva. Potro’ andare in pensione entro il 2015? Grazie

  57. Ringrazio anticipatamente per la risposta che Lei mi potrà dare;Io al 31/05/2015 compio 36,8 anni di servizio ,compreso il servizio militare già riscattato + 63,3 gli anni miei;questa la domanda:posso andare in prepensionamento? e da quale data?.ad oggi raggiungo come punteggio 100,1.Grazie

  58. @vincenzo lionti
    hai tutti i requisiti. Devi presentare la domanda e attendere. La legge prevede una sorta di contingentamento.

  59. Scusami ma la mia domanda era se superati i requisiti minimi di età di 61 anni e 7mesi e contributivi di 35 anni, con un totale raggiunto di 97 e 7mesi ( 62 e 3 mesi + 35 e 4 mesi) viene raggiunto il diritto a pensione. Grazie.

  60. @carlo
    Devi presentare la domanda e attendere. La legge prevede una sorta di contingentamento.

  61. Benedetto,,
    al 31/12/2015 avrò questi requisiti:
    61 anni 5 mesi e 27 giorni e
    39 anni 11 mesi e 17 giorni di contribuzione
    raggiungendo una quota di 101 5 mesi e 13 gg.
    Secondo l’ultima tabella da te pubblicata potrò andare in pensione nel 2015.
    Avrò applicate penalità e se è sì in quale misura.
    Grazie.

  62. @lia dieli
    per il requisito dell’età guarda l’ultima tabella. Relativamente alle penalizzazioni, colpiscono tutti quelli del contratto 1.

  63. Benedetto,
    al 31/12/2015 avrò questi requisiti:
    62 anni 5 mesi e 2 giorni e
    38 anni e 8 giorni di contribuzione
    raggiungendo una quota di 100 e 8 gg.
    Secondo l’ultima tabella da te pubblicata potrò andare in pensione nel 2015.
    Avrò applicate penalità e se è sì in quale misura.
    Grazie.

  64. @Anna Maria Tumminello
    hai requisiti per andare. La penalizzazione dovrebbe aggirarsi intorno al 10%, anche se al Fondo Pensioni non hanno ancora effettuato proiezioni precise.

  65. Dott Mineo,
    nella finanziaria è prevista una contribuzione figurativa per gli invalidi con percentuale di invalidità maggiore del 75% ma non è menzionata alcuna agevolazione per i lavoratori precoci.
    Abbiamo qualche norma su cui appigliarci a latere o, come mi è sembrato di capire, non c’è nulla da fare?

  66. @Orazio Carmantini
    non mi pare ci sia nulla e neppure qualche norma cui appigliarsi. Attendiamo, comunque, la pubblicazione in gurs.

  67. Gentile Dottor Mineo. La ringrazio di avermi risposto sinceramente non mi aspettavo che accadesse. Rileggendo il mio scritto mi sono accorta che mi è sfuggita forse una nota importantee cioè: Sono dipendente regionale….Vale lo stesso la sua risposta? La ringrazio ancora per la sua paziensa.

  68. @lucia
    su questo blog scrivono quasi esclusivamente dipendenti regionali. E poi stiamo commentando la finanziaria regionale e “l’armonizzazione” dei dipendenti regionali…..

  69. Buongiorno, Le pongo tre domande, sono grato e la ringrazio per TUTTO !
    1) dove posso trovare la formula per il calcolo dell’importo per riscattare la laurea essendo stato assunto nel 1985 ? ed avendo già riscattato periodi antecedenti di lavoro svolti nel privato ?
    2) avendo fatto la domanda per il riscatto molti anni fa, il conteggio andrà fatto a quella data ?
    2) essendo nato il 04/06/1954 e volendo andare in pensione il 31/12/2016, considerato che a quella data avrei, se ci campo, 62 anni 7 mesi meno 4 giorni, vorrei sapere se per questi quattro giorni devo andare in pensione l’anno successivo .
    di nuovo grazie.

  70. @franco
    purtroppo 4 giorni contano….
    Relativamente al riscatto della laurea, non sono in possesso di alcuna formula. Puoi rivolgerti al tuo servizio gestione economica.

  71. Non riesco a capire il caso della collega Grazia Sanfilippo, che dovrebbe essere entrata in regione prima del 1986 , pensionata nel 2014, e a cui sono state applicate nel calcolo della pensione le decurtazioni previste dalla legge statale.
    In questo campo la regione ha autonomia legislativa e i requisiti di età e contribuzione necessari per il pensionamento sono ricavati dalla legge statale ma il calcolo della pensione dovrebbe essere fatto con le norme regionali che non prevedono decurtazioni al raggiungimento dei limiti di contribuzione, nè per l’età anagrafica nè per i contributi figurativi. O no?

  72. Gent.Dottor Mineo vorrei avere delle delucidazione sulla mia situazione lavorativa-
    A settembre 2020 ho 66 anni e 34 di contributi- con quanta penalizzazione vado in pensione?
    Grazie

  73. Buon giorno. Perchè non iniziate a fare qualche proiezione di quanto la prenderanno nel….
    coloro che come me faranno la domanda di pensione dopo 37 anni e 3 mesi di servizio + 2 anni fra servizio militare e ricongiunzioni, quindi oltre 39 anni di servizio, e pagando di tasca per la pulizia, riparando da se tapparelle, comprando il toner per la stampante e via dicendo. Grazie

  74. un chiarimento sono stata assunta nel 1985 per concorso, il bando prevedeva il trattamento pensionistico di cui alla l.r. 2/1962. Ho ricongiunto ex l. 29 6 anni sin dalla data di assunzione. In atto ho 36 anni e 57 anni di età. La l.r. 2/62 prevedeva il limite di anzianità contributiva di 35 anni indipendentemente dall’età anagrafica. alla luce delle l.r 20/2003 e della attuale in fase di pubblicazione, vorrei sapere quando potrò essere collocata in quiescenza sia per età che per anzianità contributiva a prescindere dal prepensionamento se tale si può chiamare. Per quanto riguarda il quantum vorrei sapere in che misura sarà corrisposta la pensione sono Istruttore Direttivo c8. se hai gà fatto una simulazione, dato che il tempo non conta.

  75. @marisa frenna
    hai quasi la mia stessa situazione. Io purtroppo dovrò attendere qualche anno in più. Tu tra poco meno di 7 anni potrai andare in pensione.

  76. Dott. Benedetto Mineo, La ringrazio per la risposta. Quindi, ai dipendenti regionali “contratto 2” viene applicato il trattamento pensionistico statale?
    Grazie

  77. Gent. Dott. Mineo sono Angelo nato il 07/09/1952, ho inviato un messaggio stamattina
    per capire quando posso andare in pensione avendo raggiunto in data odierna
    i 40 anni e 4 mesi di contribuzione. Spero in una sua risposta e la ringrazio.

  78. @angelo
    se controlli ti ho risposto nel precedente commento

  79. Egr dr, risponda a verita’ il fatto che le amministrazioni ,applicheranno quota 40 di contributi (requisiti pre fornero), solo se dichiarano di avere personale in esubero, grazie e saluti

  80. Mi chiedo e chiedo: nella finanziaria è stato trattato l’argomento sugli invalidi riconoscendo contributi figurativi (perché figurativi?) ma nulla sui lavoratori precoci. E’ comprensibile la focalizzazione degli interessi che vanno per la maggiore ma sarebbe stato un grande segno di giustizia verso tale categoria perfettamente ignorata.
    Magari per la prossima rivendicazione sindacale (l’amministrazione regionale ha vinto una battaglia, non la guerra) preparata per tempo e con unità di intenti.
    Come è accaduto questa volta, inizialmente gestita malissimo per la disorganicità degli obiettivi e per le trappole che il governo è riuscito a tendere ma finita benissimo con l’unione e con uno sciopero (ai limiti della giustificazione rivendicativa) ben riuscito.
    Buon lavoro, Mineo.

  81. Egregio dott. Mineo sono un funzionario D6 desidererei sapere quali saranno i tempi dell’erogazione della liquidazione in quanto avendo letto la circolare INPS n. 73 del 2014 sui prepensionamenti mi sono venuti i brividi
    Spero che non sia come ho capito io
    Inoltre il servizio militare,che io ho effettuato nel 1976/77 ,è riconosciuto automaticamente come anni di anzianità ?
    Io al dicembre 2014 ho raggiunto 35+1(militare) e 61 anni e 5 mesi di età
    Grazie

  82. @C. Mario
    per la liquidazione abbiamo gli stessi tempi dello Stato.
    Il servizio militare è riconosciuto a fini pensionistici ma accertati se hai presentato la domandina allegando il congedo illimitato.

  83. Gentile Mineo, ho scoperto tramite un parente (statale) che a chi è stato assunto prima dell’anno 1986 e contestualmente nell’anno 1995 aveva 19 anni di contributi, il calcolo della pensione viene effettuato col metodo retribuito fino al 2011.
    Sapresti chiarirmi il concetto?

  84. @nicola
    è così. Per questo motivo ci siamo rivolti ad un legale per i ricorsi contro la finanziaria

  85. scusa, Mineo, dimenticavo fino al 2011 calcolo col metodo retributivo e senza nessuna penalizzazioni.

  86. @Dieli Rosalia
    per il requisito dell’età guarda l’ultima tabella. Relativamente alle penalizzazioni, colpiscono tutti quelli del contratto 1.

  87. Gentile Mineo, sono un dipendente regionale che ha compiuto 65 anni nel gennaio del corrente anno. Nel mese di giugno avro 36 anni di servizio + 1 anno di servizio militare. Posso andare in pensione nel 2015? ringraziandoti attendo risposta

  88. @sebastiano sipala
    Il compimento di 65 anni è un requisito previsto dalla pre fornero

  89. Entrato in regione nel giugno 91, con un concorso bandito nel 1981, a settembre avro i due parametri richiesti età e anzianità, tramite riscatto di contributi INPS, ma vorrei sapere faccio parte del contraatto 1 o contratto 2. Grazie

  90. Buongiorno, vediamo se ho capito bene, sono stato assunto giuridicamente nel 1984 ed economicamente il 2 gennaio 1985 pertanto al 31 dicembre 2020 avrò maturato 36 anni di servizio, sono nato il 7 luglio 1959 pertanto al 31 dicembre 2020 avrò 61 anni 4 mesi e 24 giorni sono rimasto fuori?
    Incrocio le dita…

  91. @pippo
    sono quasi nelle tua stessa situazione. Fuori per poco!!

  92. Buongiorno Dr. Mineo
    Sono un dipendente di un Ente regionale, volevo capire se le norme approvate per il pensionamento anticipato sono estese ai dipendenti degli enti regionali.
    Se è cosi allo stato attuale ho una anzianità di servizio di anni 36 al 01.06.2015 60 anni di età. compirò 61 anni il 18.01.2016. posso essere collocato in pensione entro il 31.12.2016?
    Sono in possesso, a malincuore, della 104 comma 3, può servire?
    grazie

  93. @ROSARIO
    la legge dice: “i dipendenti dell’amministrazione regionale”.

  94. EGR DR, i dipendenti che non dipendono direttamente dall’amministrazione regionale , sono fuori dalla legge?E’ sicuro??, se fosse cosi’ , mi hai messo al tappeto.Ci sono enti che hanno avuto l’equiparazione ai regionali per i rinnovi contrattuali e oggi devono restare in servizio finche’ morte non li colga???

  95. nel ringraziarla per la risposta da “doccia fredda” .le volevo comunicare che molte volte l’ufficio legislativo e legale della regione sicilia si è espresso per l’estensione agli enti regionali di norme riguardate esclusivamente i “dipendenti regionali” nel senso che alla norma non deve essere data una interpretazione letterale e restrittiva in quanto “si risolverebbe in un irragionevole ed immotivato privilegio nei confronti di alcuni dipendenti rispetto ad altri il cui trattamento è sorretto dalla medesima normativa. (parere ufficio legislativo e legale prot n. 141.05.11 avente ad oggetto: pensioni e quiescenza- art 39 L.r. 10/2000- Applicabilità ai dipendenti Enti regionali. grazie

  96. @rosario
    quando si è trattato dell’estensione del beneficio della legge 104 ai fini del prepensionamento, non mi pare sia stato così.

  97. Gentile Dott. Mineo, desidero dei chiarimenti sulla mia situazione.Al 22/4/2015 ho compiuto 36 anni di contribuizione e 5 mesi di totalizzazione per lavoro all’estero. Nel mese di settembre 2015 compirò 61 anni, pertanto nel mese di dicembre maturerò una età di 61 anni e 3 mesi.Questi requisiti sono utili per richiedere la pensione per l’anno 2015? o bisogna maturare i restanti quattro mesi.Grazie.

  98. @aurelio
    guarda l’ultima tabella. Dovrebbero bastare.

  99. egr dr, Quindi per enti regionali rimane tutto immutato e cioe’ anche i “privilegi” CHE BACCEI ha deciso di tagliare.Perche’ le ricordo che la normativa sui permessi per malattia, sindacali ecc e’ presa pari pari dalla legge regionale.Si arriverebbe all’assurdo che la normativa sui prepensionamenti NON si applicherebbe agli enti regionali , mentre per i permessi ecc si applicacherebbe Mi parebbe quantomeno paradossale.
    cordiali saluti

  100. Prendo atto di quanto mi ha comunicato. chi vivrà vedrà. non riesco a capire una cosa:
    che la regione sicilia cerca il risparmio con i prepensionamenti dei dipendenti regionali e si dimentica che eroga contributi per la copertura degli stipendi dei dipendenti degli enti regionali. Non troverebbe pure un risparmio allargando la schiera dei prepensionamenti ai dipendenti dei sopra citati Enti ? cordiali saluti

  101. Egregio dottor Mineo,
    Le scrivo a nome di un gruppo di dipendenti di un ente di cui all’art. 1 della L.r. n. 10/2000, che “avrebbero” raggiunto i requisiti di cui al comma 3 dell’art. 52 della recente legge finanziaria.
    Quando è stato emanato il decreto legge n. 95/2012, ci hanno spiegato che le previste finestre di prepensionamento anti Fornero non potevano essere applicate poiché il nostro ente non rientra nell’articolazione della pubblica amministrazione statale.
    Adesso che la finestra pre Fornero è stata prevista da una legge regionale, oppongono che tale previsione non può essere attuata nel nostro ente, poiché non siamo dipendenti dell’amministrazione regionale.
    E’ triste constatare che, dopo una vita di lavoro, non si ha neanche la certezza per quale amministrazione si è operato!
    Cosa ne pensa?

  102. Gentile Dott. Mineo, vorrei delle delucidazioni sulla mia situazione.
    Al 31/12/2015 avrò 32 anni di contribuizione, 7 mesi e 7 gg.
    Compio il 22 settembre 2015 anni 63, pertanto a fine dicembre avrò 63 anni, 3 mesi e 8 gg.
    Con questi requisiti le chiedo quindi quando potrò andare in pensione?
    Grazie.

  103. @roberta
    tra 4 anni avrai 36 anni di contributi necessari, ma avrai anche 67 anni.

  104. egr dr, nel mio ente quando si è trattato del beneficio della legge 104 ai fini del prepensionamento, e’ stato esteso al mio ente, e tanti sono andati in quiescenza con la 104.
    Comunque vedremo le circolari, male che vada rimango circa altri 3 anni.AD MAIORA !!
    saluti

  105. @Nino Miceli
    sono d’accordo con voi. Alla politica le spaccature convengono parecchio per evitare di dovere confrontare con un fronte massiccio e compatto. I latini dicevano “divide et impera”

  106. Grazie per il chiarimento. Restano i dubbi per le penalizzazioni ed il calcolo.

  107. Egr.dott. Mineo qual’è la differenza tra retribuzione e trattamenti stipendiali complessivi
    io un’idea me la sono fatta
    Grazie

  108. Egr.dott.mineo sono nato il10/03/1954 e’ sono stato assunto nella regione siciliana il 03/07/1980 ho i requisiti per andare in pensione il 31/12/2015

  109. @Antonio
    guarda l’ultima tabella ma non mi pare che ce possa fare.

  110. Dott.mineo al 31/12/2015 con i calcoli fatti da me avrò’ 61 anni 9 mesi 21 giorni di eta’ anagrafica e 35 anni 5 mesi e 27 giorni per un totale di 96 anni 14 mesi e 48 giorni credo che rientro alla pensione al 32\12\2015?

  111. @Antonio
    con 35 anni di contributi occorrono 62 anni e 3 mesi.Guarda l’ultima tabella dell’articolo.

  112. Caro Di Benedetto Mineo ti pongo un quesito: chi è entrato alla Regione dopo il 1986 ma avendo prestato servizio nello Stato dal 1985, riconosciuto alla Regione con due leggi regionali n.53/85 e n.11/88, dovrebbe entrare tra il personale entrato prima del 1986? Pertanto entrerà nel comma 1 dell’ art. 53/54 della Finanziaria e nell’art.10 comma 2-3 della legge regionale n.21/86? Ciao. Gaspare Barraco.Marsala.

  113. @Gaspare Barraco
    non conosco bene tutte le situazioni ma suddetto personale dovrebbe rientrare tra quelli assunti ante 86.

  114. Gent.Dott.lei e’ l, unica persona che da risposte ai nostri quesiti GRAZIE nl telegiornale di oggi RAI TRE hanno annunciato il blocco dei prepensionamenti , che succedera a noi futuri prepensionati , sara risolto il problema a breve oppure dovremo molto ??

  115. @giuseppe
    il ragioner Baccei e tutto il suo entourage che hanno predisposto l’asse portante della finanziaria, compreso la norma sulle pensioni, dovrebbero avere il coraggio di rassegnare le dimissioni, vista la figuraccia.
    Quanto alla tempistica, bisogna vedere quando potranno incardinare la norma all’ars.

  116. Dott. Mineo, ipotizzando che sarà aperta la finestra fino al 31/12/2020, io a tale data avrò, se saremo vivi, 62 anni e 11 mesi di età anagrafica, 39 anni e 4 mesi ci contributi. Mi pare di capire di rientrare. Può confermarmelo? Grazie.

  117. Dott.Mineo c! e la possibilita che questa legge di prepensionamento finisca per qualche motivo nei cassetti e non se ne parla piu, per qualche accordo che noi non conosciamo. Ritengo tutto e possibile nella Regione Siciliana, mi chiedo non dovrebbero annullare l, intera finanziaria se viene a mancare una parte essenziale di essa . Che ne pensa?

  118. Chiedo al gentilissimo Dott. Mineo se c’è differenza andare in prepensionamento con 35 o 40 anni di contributi fermo restando la penalizzazione applicata con l’approvazione della legge Finanziaria.

  119. @angelo baudo
    versando più contributi avrai una pensione più alta.

  120. Al fine di chiarire il sistema di calcolo tra eta minima e contributi minimi per l’accesso ai prepensionamenti credo di fare cosa gradita a tutti i colleghi interessati nel segnalare la circolare del MIUR n. 98 del 20/12/2012 (pag:2)

  121. Gentile Dott. Mineo, ho cominciato a lavorare il 15/12/1984 presso un ‘Amministrazione Comunale Siciliana fino al 14/12/1988; dal 15/12/1988 sono transitato alla Regione Sicilia accumulando così, alla fine del 2020, un’anzianità contributiva di 36 anni. Premetto che a tale data (fine 2020) avrò 61 anni e 8 mesi. Ho i requisiti per il prepensionamento visto che il periodo iniziale della mia carriera l’ho svolto presso un Comune e non alla Regione?
    La ringrazio anticipatamente.

  122. @Francesco
    dovrei documentarmi, anche se ritengo vada fatta la ricongiunzione.

  123. Gentile dott. Mineo,
    al 31/12/2011 possedevo i seguenti requisiti:60 anni di età, 33 anni di servizio più 13 mesi di servizio militare riscattato an che ai fini del tfr si può procedere con l’arrotondamento per maturare l’anno in più. grazie e complimenti per il Blog.

  124. @Paol
    non credo che sia possibile l’arrotondamento.

  125. Gentile dott. Mineo,
    al 31/12/2011 possedevo i seguenti requisiti:60 anni di età, 33 anni di servizio più 13 mesi di servizio militare riscattato an che ai fini del tfr si può procedere con l’arrotondamento per maturare l’anno in più. grazie e complimenti per il Blog. Paolo dipendente camera di commercio di Messina

  126. DOTT. MINEO, POTRESTI PER FAVORE CHIARIRMI LA MIA SITUAZIONE :
    AD OGGI HO 36 ANNI E 4 MESI DI ANZIANITA’ ED 57 ANNI DI ETA’.
    AL 31-12-2017 ARRIVERO’ A QUOTA 97,8 . POSSO CHIEDERTI SE A QUELLA DATA POSSO ANDARE IN PENSIONE?

  127. @Luigi
    guarda l’ultima tabella del post, è abbastanza chiara.

  128. Egr.dott.mineo sono nato il 08/12/1959 e’ sono stato assunto nella regione siciliana il 02/01/1980 ho i requisiti per andare in pensione il ? mi dica Lei grazie

  129. @Mario
    direi proprio di no. Leggi l’ultima tabella del post.

  130. @Mario59
    purtroppo no.
    Hai “solo” 56 anni è non bastano.
    Leggi l’ultima tabella.

  131. Egr.dott.mineo sono nato il 08/12/1959 e’ sono stato assunto nella regione siciliana il 02/01/1980 ho i requisiti per andare in pensione il 2019 (40 anni di anzianita’ contributiva) come da ultima tabella del post con la sola anzianita’ contributiva pari a 40 anni penso di avere fatto i calcoli bene ovviamente legge statale Madia permettendo o mi faccia Lei il calcolo le saro’ molto grato dica Lei grazie.

  132. @Mario59
    al 31 dicembre 2019 dovresti raggiungere il requisito.
    Comunque, prima di sbilanciarci, attendiamo le circolari esplicative.

  133. Caro Benedetto,al 31 maggio 2015 avro’ 38 anni e 6 mesi di servizio,avendo riscattato un titolo triennale universitario,e 63 anni di età.Al 31 dicembre1995 avevo gia’ oltre18anni di servizio.Rientrero’ nel meccanismo della legge Dini? È possibile che venga pubblicato un modello di domanda per il prepensionamento? Grazie.

  134. @Lucia Minniti
    l’ultima formulazione della legge, quella approvata, non fa riferimento alla Dini, intesa come possesso dei 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995, ma parla semplicemente di calcolo della quota retributiva che subisce una decurtazione.
    Quanto alla modulistica, se la Funzione Pubblica dovesse rendere disponibile qualche modello, provvederò a pubblicarlo su questo blog.

  135. Gent.mo Dr Mineo, sono un ex corsista, quindi assunto l’ 1 marzo 82, ho riscattato 6 mesi di corso ho riscattato un anno di servizio militare quindi il 1° settembre completo 35 anni di contributi, sono nato l’8 ottobre del 1959, di tutte queste tabelle sono confuso! mi potrebbe dire se rientro tra quelli che entro il 2020 possono andare in pensione?
    Grazie anticipatamente.

  136. @Gioacchino
    se tengono la finestra aperta al 2020 dovresti rientrare nei requisiti.

  137. Egreg. Mineo, al 31-12-2017 avro’ i seguenti requisiti: 38 anni di servizio -59 di eta’ – quota 98.8. Potrei andare in pensione? Dammi un tuo parere per favore. Non mandarmi a controllare tabelle. saluti

  138. @Giovanni
    ti manca il requisito dell’età: anni 61 e 7 mesi.

  139. DOtt.MIneo le chiedo di delucidarmi sulla mia posizione pensionistica ho guardato l’ultima tabella per i requisiti al 31/12/2015 a quella data sommando eta’ anagrafica ed anni servizio raggiungo quota 97 anni 3 mesi e 18 giorni avendo 61 anni e 7 mesi e 21 giorni e 35 anni 5 mesi e 28 giorni perche’ non rientro secondo lei ai requisiti al 31/12/2015?

  140. @Antonio
    35 anni di contributi bastano con 62 anni di età.

  141. dott.Mineo la ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione che mi darà.
    preciso che sono stato assunto con la l.r.285/77, presso il comune ……..,in data 16/10/1978,ho già riscattato 1 anno di iscrizione albo + il servizio militare per un totale di 2 anni. a gennaio 2003 sono transitato all’ARRA (oggi Ass.Energia) nel 2010 transitato nei ruoli regionali. alla data del 31/12/2015,mi ritrovo con 59 anni di età(15/12/1956anno di nascita) e 39 anni di servizio (tra prestato e riscattato).Desidererei cortesemente se non la tedio + di tanto capire,sapere se posso,devo, ed ho i requisiti per accedere alla richiesta di eventuale pensione. fiducioso nella sua cortese attenzione, colgo l’occasione per porgerle i più cordiali saluti e ringraziarla per la sua eccezionale attenzione verso i richiedenti.grazie

  142. @Antonio Catalano
    Non mi dici se hai effettuato ricongiunzioni. Comunque aspettiamo le circolari esplicaretive.

  143. Sono nata 01/06/1957 assunta il 1/4/1981 posso andare in pensione il 31/12/2018 ?

  144. @margherita
    se dovessero mantenere la “finestra” aperta fino al 2020, potrai andare in pensione. Ma già il consiglio dei ministri ha avanzato dei dubbi.

  145. gent.mo dott.Mineo la ringrazio per le delucidazioni che riuscirà a darmi.
    A seguito della L:R:285/77, il 16/10/1978 ho preso servizio presso il comune di……. il13/01/2003 sono stato chiamato a prestare servizio presso ex ARRA oggi Ass.Energia negli anni 2000 ho riscattato l’iscrizione albo geometri + il servizio di leva ,per un totale di anni 2.pertanto al 31/812/2015,mi ritrovo con 39 anni di contribuzione.Considerato che, la mia età anagrafica al 15/12/2015 sarà di anni 59 , con un totale di 98,gradirei poter capire quando e se posso far parte della legge già approvata per il pensionamento dei dipendenti regionali.
    fidicioso nelle sue delucidazioni,colgo l’occasione per porgre cordiali saluti.Grazie

  146. @Antonino Catalano
    non mi dici se hai effettuato la ricongiunzione con il periodo effettuato presso il comune.

  147. Caro Benedetto al 31dicembre 2020 avrò 34 anni 11 mesi e 25 giorni e 63 anni 10 mesi e 23 giorni.Ho i requisiti per il prepensionamento?
    Grazie anticipatamente

  148. @Lombardo Gaetano
    se guardi l’ultima tabella del post ti rendi conto subito che ti manca il requisito dei 35 anni di contributi.

  149. egregio mineo o lavorato 13 anni e 5 mesi in germania pensione che mi verra’ data a 65 anni , il 1/09/2015 avro’ lavorato 32 anni e 5 mesi regione siciliana in piu’ 15 mesi di militare gia’ riscattato ,attualmente -63 anni -posso andare in pensione,grazie pietro. tusa 17/05/2015

  150. @pietro mastrandrea
    puoi andare in pensione tra 2 anni a 65 anni.

  151. I miei anni di servizio al 31 dicembre 2020 saranno 34 e mesi 11 e giorni 25 e anni di età 63 e mesi 10 e giorni 23
    Ti ringrazio

  152. @Lombardo Gaetano
    hai il requisito dell’età ma ti manca quello contributivo. Guarda l’ultima tabella del post.

  153. pietro mastrandrea on 17/05/2015 at 21:04 said:
    Your comment is awaiting moderation.
    egregio mineo o lavorato 13 anni e 5 mesi in germania pensione che mi verra’ data a 65 anni , il 1/09/2015 avro’ lavorato 30 anni e 5 mesi regione siciliana in piu’ 15 mesi di militare gia’ riscattato ,attualmente -63 anni -posso andare in pensione,grazie pietro. tusa 17/05/2015 avevo fatto i calcoli errati questi sono giusti grazie

  154. @Pietro mastrandrea
    ho avuto problemi con l’antispam.
    Ti ho risposto più sotto.

  155. Egr. dott. Mineo, Le chiedo un aiuto, sono molto confusa.
    Sono nata il 4/11/1959, entrata in ruolo regionale il 17 maggio 1990, ho ricongiunto nel 1991 il periodo contributivo 1/6/1982 – 20/2/1990. Posso presentare istanza per requisiti da raggiungere nel 2020? Grazie anticipatamente.

  156. @adriana rigano
    ti manca il requisito anagrafico: 61 anni e 11 mesi.

  157. egr dr, il 31/7/2015 compio 62 anni di eta’ e il 10 ottobre 2015 avro’ 40 anni di servizio , desidero sapere se posso andare in pensione con la prima finestra , ma me lo dica lei perche’ non mi raccapezzo
    grazie e scusi

  158. @peppino75
    hai i requisiti per andare il pensione con la prima finestra.

  159. caro Benedetto sono nato il 07/02/1957 e sono stato assunto alla Regione il 01/03/1991, con la ricongiunzione di servizi effettutati prima e il servizio militare , al 31/12/2015 avrò come età anagrafica 58 anni 8 mesi e 19 giorni e contributi 29 anni 11 mesi e 25 giorni. Alla data del 31/12/2020 potrò avere i requisiti per fare la domanda al prepensionamento?
    Ti ringrazio anticipatamente

  160. @Lombardo Gaetano
    in un commento precedente a cui non avevo risposto per tempo, mi avevi detto che avevi di servizio al 31 dicembre 2020 34 anni e mesi 11 e giorni 25 e anni di età 63 e mesi 10 e giorni 23.
    Non ci rientri per pochi giorni. Vedi se hai anche un breve periodo da riscattare.

  161. Gentile Dott. Mineo, io al 31.12.2020 maturerò 38 anni e 10 mesi di contributi. Aggiungendo a questi un riscatto parziale di 1 anno e 2 mesi del corso di laurea, raggiungerei quota 40 anni di anzianità.
    Per qualche mese non raggiungerei 1 61 anni e 11 mesi richiesti come età anagrafica.
    Mi può confermare che avrei comunque diritto al prepensionamento con la semplice anzianità di servizio?
    Un funzionario dell’Assessorato sostiene che non si può prescindere dall’età anagrafica, ma secondo me è lui che sbaglia!

  162. @antonio
    con la pre fornero bastano i 40 anni di contributo. Guarda l’ultima tabella del post.

  163. Gentile Dott. Mineo, io al 31.12.2020 maturerò 38 anni e 10 mesi di contributi. Aggiungendo a questi un riscatto parziale di 1 anno e 2 mesi del corso di laurea, raggiungerei quota 40 anni di anzianità.
    Per qualche mese non raggiungerei 1 61 anni e 11 mesi richiesti come età anagrafica.
    Mi può confermare che avrei comunque diritto al prepensionamento con la semplice anzianità di servizio?
    Un funzionario dell’Assessorato sostiene che non si può prescindere dall’età anagrafica, ma secondo me è lui che sbaglia!

  164. @alessandro
    la pre fornero prevede il pensionamento al raggiungimento dei 40 anni di contributi a prescindere dall’età anagrafica. Guarda l’ultima tabella del post.

  165. Dott. Mineo la ringrazio anticipatamente per avermi risposto e cerco di essere più chiara.
    Alla data del 01/04/2015 ho compiuto 34 anni di servizio
    Distinti saluti

  166. @margherita
    se dovessero mantenere la “finestra” aperta fino al 2020, potrai andare in pensione. Ma già il consiglio dei ministri ha avanzato dei dubbi.

  167. dott mineo, ho 63 anni con la regione siciliana il 01/09/2015 avro’ 31 anni di servizio compreso il servizio militare, quando posso andare in pensione, grazie

  168. @pietro
    se lasciano la “finestra” aperta, potrai andare a 65 anni.

  169. Vorrei un chiarimento. Io ho i requisiti per prepensionamento entro giugno 2015, eta, anzianità di servizio, secondo il comma 2 del art. 52 non si applicano le decurtazioni del comma 1 (10%) ma non posso superare il 90% della media stipendiale degli ultimi 5 anni, cioè 2010-15, ho capito bene o no.

  170. Gentilissimo Dott. Mineo, sono un collega dei Beni Culturali, ho 57 anni e 30(+ 1 di militare) di servizio, posso andare in pensione nel Dicembre 2019? Grazie e distinti saluti!

  171. @alfonso
    se raggiungi 61 anni e 11 mesi e 36 di contributi o se raggiungi 62 anni e 11 mesi e 35 di contributi (vedi ultima tabella del post), sì, potrai andare in pensione.

  172. Gentilissimo Dott. Mineo,la ringrazio anticipatamente,vengo al dunque:dato che si possono fare le domande per la pensione,ci sono i moduli per fare la domanda? e se è si dove posso reperirla?,Voi l’avete approntata?.Grazie

  173. @vincenzo lionti
    nei prossimi giorni il sindacato e io stesso tramite il blog vi forniremo tutta l’assistenza di cui avrete di bisogno.

  174. Buongiorno Gentilissimo Dott. Mineo,
    Sono un Dipendente dell’ ERSU di Palermo ENTE di cui ARTICOLO UNO.
    Vorrei sapere se anchio rientro nella Finanziaria legge regionale siciliana 2015 riguardante i prepensionamenti.
    Riguarda solo per i Dipendenti Regionali?.
    I miei contributi lavorativi versati all’INPS sono n. 40 anni entro il 31/12/ 2019 e 60 anni età.

  175. @gianni
    come ho già risposto a tanti altri che hanno posto lo stesso quesito, la legge dice testualmente “i dipendenti dell’amministrazione regionale”……

  176. Egr dr. le consiglio di essere meno tranciante in merito alla questione sull estendibilita’ o meno agli enti chiamiamoli “para” regionali. Ogni ente ha la sua storia, per esempio ci sono enti che hanno visto applicati : i contratti regionali, le legge 104 (che permetteva di andare in pensione) .,il diverso calcolo pensionistico (per gli assunti ante 1986)(tuttte norme regionali) , non si capisce perche’ non si debba applicare questa legge. Poi ha visto nella circolare che si parla anche della legge regionale 21/86???Quindi sia piu’ prudente grazie

  177. @Peppino75
    “fortunatamente” non sono il legislatore o l’interprete della legge che si applica a prescindere dalle mie eventuali inesattezze espositive.

  178. Egr dr faccio presente che l’ersu e’ compreso tra i destinatari della circolare

  179. @Peppino75
    “fortunatamente” il legislatore o l’interprete della legge non sono io e la legge si applica indipendente da quello che è il mio punto di vista o le eventuali inesattezze contenute sugli articoli del blog.
    Nel caso in questione, tutto dipende da chi trattiene i contributi che poi dovrebbe erogare la pensione.

  180. @Peppino75
    Negli Ersu, oltre al personale Ersu (ex Eas) c’è il personale dell’amministrazione regionale in distacco. Stessa cosa per Arpa e Aran.

  181. Egregio Dott. Mineo, in data 8/5/2018 (se sarò ancora vivo) avrò un’età di 61 anni e 7 mesi, ed alla stessa data avrò accumulato ( compreso 18 mesi di militare) 37 anni e 8 mesi di servizio. La somma fra età + servizio è pari a 99 anni e 3 mesi. Le chiedo pertanto, se rimane aperta la finestra fino al 2020, posso fare l’istanza di prepensionamento e se si quando potrò andare in pensione?
    In attesa di risposta la ringrazio per la sua ospitalità.

  182. @rivituso Damiano
    lo hai detto tu stesso. Appena raggiungi 61 anni e 7 mesi potrai andare in pensione ma l’istanza va presentata entro il 15 luglio.

  183. Gentilissimo dr. Mineo, onde evitare confusione nel leggere le tabelle, Le chiedo direttamente se e quando potrò andare in pensione essendo, il sottoscritto, nato il 19/09/1956 ed assunto dal gennaio del 1981. Ringraziando colgo l’occasione per complimentarmi per la chiarezza con la quale viene gestito il presente sito.

  184. @carmelo Calì
    dovresti raggiungere il requisito (61 anni e 7 mesi), se non ho fatto male i calcoli, ad aprile 2018.

  185. Egr dr, e chi maturera’ il requisito dopo il 2020? Quale legge verrà applicata.?
    Saluti e grazie

  186. Gentilissimo Dott. Mineo, ho notato una differenza nei requisiti pre-Fornero tra la tabella “Pensione di vecchiaia ” da lei sopra pubblicata, dove sono citati solo gli anni anagrafici per accedere alla pensione, e la corrispondente tabella “B” contenuta nella circolare esplicativa del 25 maggio scorso, che, oltre all’età anagrafica, parla anche di una anzianita contributiva di ” soli ” 20 anni. Quindi, mi chiedo, quando raggiungerò i 65 anni e 7 mesi , stando alla tabella “B” (nel mio caso Novembre 2018), avendo solo 34 anni di contributi, potrò andare in pensione ? Sino ad ora ho sentito che occorrono almeno 35 anni di contributi ? Capisco male io? La prego mi illumini !

  187. @agostino
    con la pre fornero 65 anni e 7 mesi (dal 2018) è il requisito di accesso alla pensione. “0 anni di contributi è il requisito contributivo minimo. Quindi 34 anni di contributi bastano e avanzano.

  188. Gentile Dott. Mineo, scusi vorrei sapere se la legge 104 e l’invalidità all’ 80% ha effetto retroattivo o vale dal giorno dell’ottenimento. La ringrazio e La Saluto Cordialmente.

  189. Egr. Dotto Mineo,
    ho 63 anni e 7 mesi e 35 anni e 4 mesi di contribuzione. Considerato che il riscatto di laurea scade il 30/09/2015, rientro nella fascia dei prepensionamenti entro il 15/05/2015?
    Per il contratto 2 (al quale dovrei appartenere) quanto vale la riduzione? La Circolare non l’esplicita. Ho fatto la domanda di riscatto militare nel 1992 ma non mi hanno fatto ancora il decreto, posso andare lo stesso in prepensionamento?
    Grazie.
    Cordialmente
    Micro

  190. Gentilissimo dott. Benedetto Mineo,
    insegno in un istituto regionale, ho 63 anni e avrò 39 anni e 1 mese di contribuzione al 31 agosto 2015. Vorrei andare in pensione il 1° settembre 2016 (chiusura dell’anno scolastico 2015/2016, unica finestra di uscita). Ho questa facoltà? O nel caso di un contingentamento, (avendo raggiunto abbondantemente i requisiti pre – Fornero) verrò obbligatoriamente collocata in quiescenza il 1° settembre 2015?
    Appartengo al “contratto 2” ed ho più di 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995 (legge Dini), ho diritto al calcolo con il metodo retributivo fino a dicembre 2011?
    Una mia collega, appartenente al “contratto 1” (con più di 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995) avrà diritto dal 2004 al calcolo con il metodo retributivo statale fino al 2011?
    Grazie.

  191. @francesca
    i dipendenti delle scuole regionali hanno alcune particolarità rispetto ai dipendenti regionali che necessitano alcuni approfondimenti presso l’assessorato competente.
    La prossima settimana ho appuntamento, presso la segreteria del sindacato Cobas/Codir di via Cilea 11, con un paio di insegnanti che hanno problematiche di riscatti di periodi assicurativi oltre a quello della “finestra” di agosto. Vieni a trovarmi anche tu presso la segreteria Cobas. Nel frattempo acquisirò informazioni relative alla problematica (legge Dini) che ti riguarda da vicino.
    Il numero telefonico del sindacato è 0916824399.
    A presto

  192. ho due chances:nata il16 febbraio 1951,maturo i 65 anni di età + 7 mesi il 17 settembre 2016 (pensione di vecchiaia) ed i 35 anni di servizio il 1 settembre 2016 (requisiti minimi età = 61 e 7 m3si + 35 anni contributi ). Quale dovrei scegliere e quali sono le penalizzazioni. Ringrazio per la sua corte risposta.

  193. @maria
    la tua è una situazione particolare e una risposta su due piedi potrebbe non essere corretta. Contatta la segreteria regionale Cobas (0916824399) e vediamo di saperne di più tramite gli uffici competenti.

  194. Grazie dott. Mineo,
    chiamerò la segreteria Cobas.
    Cordiali saluti

  195. Egr dr giungono brutte notizie, pare che su uno stipendio di euro 2500 famp compreso ,un d6 percepisce euro 1960, di pensione con 40 anni di servizio Come Cobas avete gia’ fatto delle simulazioni sulle future pensioni gravate dalle penalizzazioni?
    saluti

  196. @roberto
    abbiamo calcolato una perdita di circa il 15/20%. Nei prossimi giorni saremo più precisi.

  197. Egergio Dott. Mineo Sono un funzionario assunto ai sensi della legge 8/81 (01/03/82). Nella Finanziaria al comma 2 dell’art. 52 si dice “coloro che maturano il diritto di cui al decreto legge n. 201/2011, convertito con modificazioni dalla legge n. 214/2011, entro il 31 dicembre 2015, non si applicano le decurtazioni previste dal comma 1, fermi restando i livelli massimi stabiliti dal medesimo comma.” Considerato che a Settembre sono 63 anni e che il 12 Gennaio 2016 compio 35 anni di contributi, però, ho la possibilità di riscattare, ai fini di quiescenza, 6 mesi (pagando circa 2.100 € quindi raggiungerei 35 anni di contributi a Luglio del 2015. Le CHIEDO: Ai fini della decurtazione in che come influisce la penalità nei due casi e cosa mi consiglia lei. Si ringrazia.

  198. @gino
    non mi sono chiari alcuni aspetti che forse hai omesso per brevità.
    Maturare il diritto di cui al decreto legge n. 201/2011, significa raggiungere i 66 anni e 3 mesi e dal 2016 66 anni e 7 mesi, oppure raggiungere 42 anni e 6 mesi di contributi.
    Contatta la segreteria regionale al numero 0916824399. Stiamo istituendo uno sportello di assistenza.

  199. Gentilissimo dr. Mineo, Le sarei grato, onde evitare disinformazione, sapere quando potrei andare in quiescenza essendo stato assunto nell’Amministrazione Regionale a far data dall’aprile 1986 ed essendo nato il 28 novembre 1955. Aggiungo inoltre che non ho ancora riscattato il periodo di leva. Ultima domanda: dove poter reperire la modulistica per la richiesta di quiescenza? Ringrazio per la sua disponibilità.

  200. Sono dirigente e compio 66 anni il 10/08/2015 e sono stato assunto il 1/03/1982 presso l’ex Azienda del turismo mentre ora lavoro alla DTL di Catania. Devo fare anche io la domanda entro il 14/07/2015 per andare in pensione?.Mi avevano detto nel 2014 che non era necessario e che sarei stato in pensione dal 01/12/2015,presntando la domanda a settembre.

  201. @giuseppe
    da come è scritta la norma, sembrerebbe (avrei la necessità di effettuare un quesito specifico agli uffici) che tutti coloro che raggiungono il requisito di cui al decreto legge n. 201/2011 entro il 31 dicembre 2020, non debbano presentare la domanda entro il 14 luglio.
    Per informazioni più precise puoi contattare la segreteria regionale al numero 0916824399. Stiamo istituendo uno sportello di assistenza.

  202. Salve Dr. Mineo, io ad oggi ho maturato 41 anni 2 mesi, già ricongiunti, è vero che non occorre presentare domanda per noi che abbiamo già raggiunto i requisiti pre-Fornero? grazie.

  203. @salvatore d.
    da come è scritta la legge sembrerebbe che non occorra la domanda per chi raggiunge il requisito fornero, non pre fornero. Ho bisogno però di una conferma presso gli uffici competenti. Cercherò di essere più preciso nei prossimi giorni. In ogni caso chiama la segreteria Cobas (0916824399). Stiamo istituendo uno sportello di assistenza per i pensionandi.

  204. Gent.mo Dr. Mineo sono un dipendente del Corpo Forestale e vorrei andare in pensione alla data del 30.12.2015 compiendo 62 anni ed 11 mesi di età con 42 anni e 6 mesi di servizio.
    Non ho capito quale modello di domanda di pensione devo compilare ( Mod. 1 Requisiti pre Fornero o Mod. 2 Requisiti Fornero ), e quali delle tre caselle devo barrare:
    1) pensione di vecchiaia; 2) pensione per massima anzianità contributiva; 3) pensione di anzianità. Grazie per il chiarimento.

  205. @filippo f.
    TRA QUALCHE GIORNO SARÀ ATTIVATO UN EFFICIENTE SERVIZIO DI CONSULENZA E DI CALCOLO DELLE PENSIONI IN TUTTA LA SICILIA. CHIAMA LA SEGRETERIA AL NUMERO 0916824399.

  206. Gentilissimo dr. Mineo, Le sarei grato, indicarmi un mancanza di nove settimane lavorative a quanti mesi corrispondono, la ringrazio anticipatamente.

  207. Chiarissimo Dr. Mineo, sono alle dipendenze dell’Amministrazione Regionale a far data 1° dicembre 1980.
    Essendo nato il 19 settembre 1956 Le chiedo:
    1) quando e se potrò andare in quiescenza;
    2) Se si, di quanto sarà la mia penalizzazione, in percentuale;
    3) Quale modello requisiti pre-Fornero (1 o 2) devo compilare ed entro quale termine presentarla?
    Nel complimentarmi per la chiarezza del sito, colgo l’occasione per ringraziare sentitamente.

  208. @Calì Carmelo
    a partire da domani troverai sul sito Cobas/Codir una maschera per il calcolo dell’importo della pensione a patto che tu conosca la data presunta di collocamento in quiescenza.
    Non mi dici se hai riscatti o ricongiunzioni cmq, da quello che mi comunichi, dovresti andare in pensione a maggio 2018, al compimento di 61 anni e 7 mesi.

  209. Gent.mo dr. Mineo, dalla risposta che Ella mi ha dato in data 8/6 c.a. circa riscatti o ricongiunzioni, tengo a precisare ulteriormente che precedentemente alla data 1° dicembre 1980, data di assunzione presso l’Amministrazione Regionale, il sottoscritto possiede altri 7 anni e mezzo circa di versamenti contributivi con aziende private (versamenti INPS) ma che non ho mai riscattati perchè a suo tempo troppo onerosi. Le chiedo se e come potrei tenerne conto ai fini pensionistici. Ringrazio.

  210. @calì carmelo
    devi chiedere la totalizzazione al tuo servizio gestione giuridica.

  211. egregio dott mineo, il 1/09/2015 avro’ lavorato 31 anni e 5 mesi regione siciliana attualmente -63 anni quando posso andare in pensione,in base all’ultima circolare fammi gentimente sapere se gia’ devo fare la domanda, c’e molta confusione grazie

  212. @Pietro
    non puoi andare in pensione con i requisiti previsti fornero, ti manca il requisito contributivo.

  213. @Marco
    Ancora non sappiamo nulla. Per prassi consolidata, l’impugnativa arriva sempre poco prima della scadenza del termine.

  214. Dott. Mineo . Governo nazionale ha dato il via libera alla finestra di prepensionamento 2017/2020. Grazie anticipatamente .

  215. Ill.mo dr. Mineo, vorrei sapere se essendo ancora in servizio con l’Amministrazione Regionale dal 1° dicembre 1980 ed avendo contributi con privati per 7 anni e 11 mesi, potrei chiedere la totalizzazione contributiva e quindi poter accedere alla pensione nel corrente anno. Sono nato il 19 ottobre 1956.
    Ringraziandola porgo distinti saluti

  216. @gianni Cioffi
    Certo che puoi chiedere la totalizzazione.

  217. Gent.mo Dott. Mineo, alla data del 15/05/2015 (legge finanziaria), ho 63 anni e 7 mesi e 35 anni e 4 mesi di contributi (con riscatti di laurea e impresa privata) per cui potrei benissimo andare in prepensionamento. Tuttavia, a causa dei ritardi di legge da parte dei nostri governanti ho timore a presentare la domanda, per 2 motivi principali:
    1°) perché, non so quando legifereranno la delibera sulla problematica relativa ai calcoli “stipendiale” da sostituire con il “retributivo”;
    2°) perché se dovessero (solo per mera ipotesi) impugnare la legge, potrei diventare “esodato…” (?). Fino all’età pensionabile per vecchiaia?
    Tuttavia, Le chiedo gentilmente: se non presento la domanda ora (entro il 14/07/2015) cosa mi potrebbe succedere al compimento dell’età pensionabile per vecchiaia?
    So che andrei in pensione (per vecchiaia) a 66 anni 7 mesi di età avendo 38 anni e 4 mesi di contributi; ma ho timore che (i soliti n/s governanti) sfoderino… qualche bella leggina… e mi dimezzerebbero… la pensione.
    Grazie e complimenti per il suo sito. Molto utile.

  218. @micro
    E’ un bel dilemma, lo riconosco. Ma come ho già avuto modo di rispondere ad altri, il rischio impugnativa maggiore, per dichiarazione dello stesso Baccei, è per la parte che riguarda i prepensionamenti dal 2017 al 2020. Per chi andrà in pensione dal 2015 al 2016 non dovrebbero esserci problemi.
    Relativamente alla modifica della legge (calcolo “stipendiale” da sostituire con il “retributivo”), da simulazioni effettuate, per il comparto poco cambia.
    Nel tuo caso il gioco vale la candela, fermo restando che io al posto tuo attenderei il 14 luglio per presentare la domanda.
    La decisione, comunque, è tua.

  219. ciao, scusa la mia insistenza, ma la mia domanda piu importante è se posso accedere alla quiescenza già dal corrente anno e senza alcun danno economico. scusandomi ancora distintamente ti saluto.

  220. @gianni cioffi
    La penalizzazione riguarda tutti, anche chi raggiunge il requisito fornero dal momento che si applica lo sbarramento del 90%.

  221. Salve. Visto che forza maggiore sono costretto a subire in ogni caso lo sbarramento del 90%, ti chiedevo se ho la possibilità di andare in quiescenza nel corso del corrente anno avendo il requisiti di quanto dettoti il 13/6 c.a. Infinitamente Grazie

  222. @gianni cioffi
    se hai fatto i tuoi conti e possiedi il requisito, presenta la domanda.

  223. Egr dot Mineo sono un operaio forestale dal 1989 e la somma tra età ed età contributiva arriva a 98 e tre mesi però mi hanno detto che non posso fare domanda perché non faccio parte del Fondo Pensioni Sicilia è vero che non posso farla o mi hanno informato male?

  224. Chiarissimo dr. Mineo ho tantissima confusione e pochissime chiarezze e mi rivolgo a lei nella speranza di avere un po di luce. Sono nata nel settembre del 1956 e sono alle dipendenze della Regione Siciliana fin dal 1° gennaio 1980. Ho anche contributi versati da ditte private dal 1972 per un totale di quasi 8 anni non riscattati perchè troppo esosi per le mie possibilità. Facendo la totalizzazione contributiva, al 30 giugno del corrente anno, arrivo a 42 anni e 6 mesi di contributi versati. Seppur non essendo stati riscattati quei contributi privati, fanno totale ai fini pensionistici anche se riconosco che forse non sono riconosciuti ai fini del TFR? Alcuni mi dicono che di vita lavorativa trattasi e che quindi ho 42 anni e 6 mesi e potrei andare in quiescenza, altri mi dicono no perchè non sono stati riscattati e quindi andrei in quiescenza ad aprile 2018. La prego un po di chiarezza. Grazie

  225. Gent.mo dr. Mineo, finestra 2017-2020. si possono fare le domande o ci sono ancora problemi da roma?

  226. @Calogero
    se il termine viene spostato a 120 giorni, non abbiate premura.

  227. Francamente non capisco per quale motivo lei trasmetta tanta ansia ai futuri
    pensionati che fruiranno della legge. Sgombriamo il campo da equivoci, chi ha 60 anni e passa , VUOLE andare in pensione, anche a costo di un sacrificio economico.

  228. @Fabio68
    Metto ansia?
    Tutte le mie affermazioni sono supportate da diffusa documentazione.
    Se dovessè accadere qualcosa ci accuserebbero di non avere informato i lavoratori o di essere collusi con il governo.

  229. A forza di slittare i tempi della domanda (pare siamo arrivati a novembre) , andremo in pensione forse nel 2016.Comunque le confermo che il suo blog e’ ansiogeno e sparge paure immotivate, vedesi ultimo articolo postato sulla revocabilita della domanda’, Lo slittamento della domanda e’ collegato o no al fatto della revocabilita’ ??Perche ‘ sparge paure a dosi massiccie???Mi permetta questa osservazione anche se le riconosco la sua opera meritoria di informazione, svolta in maniera esauriente e professionale

  230. Salve Dott. Benedetto Mineo, la disturbo perchè, come chi mia ha preceduto sono in confusione, peggiorata dal fatto che all’Assessorato Istruzione c’è moltissima confusione. Sono una insegnante di scuola materna regionale. Per prima cosa faccio presente che mentre in Assessorato Funzione Pubblica mi sidice che la mia categoria rientra fra i prepensionamenti, la responsabile che sostituisce il dirigente mi dice che non è affatto sicuro che questo personale ci rientri. Io ci arriverei appena con un anno e 6 mesi di Legge 29/79, che prodotta prima del 2000 non aveva avuto seguito. Oggi ricevo una nota dalla D:ssa M. Bongiorno, del servizio riscatti e ricongiunzione (indirizzata a Ass. Istruzione) che dice che la sottoscritta non risulta appartenere al personale regionale cui si applicano le disposizioni di cui al comma 1 dell’art.10 della L.R. 9 maggio 1986 n. 21 (c.d. contratto 2). E’ così ??? Ho sempre saputo che le scuole materne regionali sono regionali a (quasi) tutti gli effetti e che sarebbe il c.d. contratto 1. Per favore mi risponda perchè sono in una mare di confusione. Il servizio si riferisce ad un lavoro presso azienda privata -messa in regola con iscrizione INPS- . Ove la D.ssa Bongiorno avesse ragione maturerei il diritto al 31 dicembre 2016, quindi in pensione dal 1 settembre 2017. Rientrerei ugualmente nei “benefici” del Mod.1 (Requisiti Pre-Fornero anni 2015 e 2016) ? Per favore -capisco il suo da fare, ma mi dia una risposta. Grazie. Salvina

  231. @Salvina
    Ho avuto modo di parlare parlare personalmente con il dirigente generale della funzione pubblica che mi ha confermato che il personale delle scuole materne regionali è destinatario delle norme sul prepensionamento.
    In ogni caso presenta l’istanza. Se la dovessero rigettare, debbono motivare il rigetto e su quello, eventualmente, impiantare il ricorso.

  232. La legge sui prepensionamenti e’ stata voluta dal Governo nazionale (renzi) e quindi si fara’, con dei correttivi.Non capisco perche’ politicizzare il problema. Non nutro nessuna fiducia su questo governo regionale, ma in generale sulla classe dirigente siciliana che ci ha governato, anche nel passato.Composta da inetti che non potrebbero governare nemmeno un condominio.Ma cosa c’entra con il nostro problema pensionistico??Mi pare sia un blog di sindacato non di partito.A noi sta a cuore unicamente dopo 40 anni di servizio giungere finalmente alla pensione punto.Anche se il percorso di questa legge sembra una farsa e una telenovela, non contribuisci alla nostra serenita’ buttandoci nello sconforto,Poi entrando nel merito, sulla domanda di revocabilita’, dati i larghi tempi per presentare l’istanza, non vendiamo la pelle dell’ orso prima d’averlo ucciso.possibilmente la proposta transitera’ all’ars e quindi avra’ l’imprimatur della legge.Poi se vuoi fare politica contro il governo, usando il blog libero di farlo .Buona serata

  233. Buona sera Dott. Mineo
    vorrei delucidazioni circa la data presunta della mia quiescenza.
    Sono nato il 15.02 1958 e sono alle dipendenze presso un ospedale regionale( vittorio emanuele -policlinico) di catania dal 15 aprile 1978. Poichè da diverse informazioni assunte ho ricevuto solo confusione gradirei una sua autorevole risposta. Grazie

  234. @mario
    Non mi dici qual’è il tuo contratto di riferimento, comunque le norma sul prepensionamento si applica solo ai dipendenti dell’amministrazione regionale pertanto, se non intervengono modifiche alla legge Fornero, tu potrai andare in pensione con 43 anni di servizio nei primi mesi del 2021 dal momento che raggiungi il requisito contributivo un paio di anni prima rispetto a quello di vecchiaia (66 anni e 11 mesi).

  235. Nel ringraziarla per la sua risposta, volevo metterla a conoscenza che sono un’infermiere professionale e quindi non so se la data di pensionamento rimane immutata ( primi mesi del 2021) Grazie

  236. Gent.mo Dott. Mineo
    Le chiedo un chiarimento sulla mia situazione:
    Raggiungerei i requisiti al prepensionamento nel mese di maggio 2019.
    Dal 12/11/2008 al 29/9/2013 ho avuto riconosciuta l’invalidità al 75% giusta legge 118/71 e DL.509/88.
    non ho chiaro se usufruendo dei due mesi all’anno, per raggiungere prima il prepensionamento, cosa succede a livello economico utilizzando i cosiddetti contributi figurativi.
    Secondo lei è conveniente tenerne conto?
    Grazie per la sua disponibilità

  237. Egregio dott. Mineo, chiedo delucidazioni circa la data presunta della mia quiscenza. Sono nato il 19/10/1953 e lavoro presso l’ospedale vittorio emanuele- policlinico di catania con qualifica di infermiere professionale dal 15/05/1979. La faccio presente che ho riscattato 6 anni, quindi a partire dal 1973. In attesa di una sua autorevole risposta le porgo distinti saluti

  238. @giovanni sanfilippo
    Puoi presentare richiesta di pensionamento appena raggiungerai 42 anni e 6 mesi di contribuzione. Se hai indicato correttamente la data della tua entrata in servizio e il numero di anni riscattato, a novembre 2015 puoi chiedere di essere collocato in quiescenza.

  239. Gent.mo Dott. Mineo, ho 63 anni e 9 mesi e 35 anni e 6 mesi di contributi.
    Ho una gran volontà (e soprattutto volglia) di presentare la domanda di prepensionamento entro il 14 c.m. ma sono un pò titubante per il fatto che non hanno ancora legiferato la correzione dell’art. 52 sul calcolo da “stipendiale” a “retributivo”.
    Cortesemente, può dirmi se posso, in ogni caso, presentare la domanda?
    La ringrazio anticipatamente e la saluto cordialmente.

  240. @Micro
    Presenta l’istanza con la postilla che pubblicherò stasera.

  241. Salve Dott. Mineo, sono un dipendente della Regione Siciliana e volevo sapere cortesemente qualche chiarimento sui prepensionamenti:
    1) nel mese di dicembre 2020 avrò 63 anni.
    2) 35 anni 5 mesi e 5 giorni di servizio.
    posso andare in pensione?
    adesso posso presentare la domanda o mi conviene aspettare (visto che non c’è la possibilità di un eventuale ritiro della stessa)
    Grazie e Buon Lavoro

  242. Egregio dott. Mineo
    Il 3 luglio scorso le avevo chiesto un chiarimento riguardo l’utilizzo di contributi figurativi per invalidità, pur raggiungendo i requisiti per il prepensionamento nel maggio 2019 tra età e anni di servizio, ai fini economici.
    Attendo con ansia una sua risposta dovendo presentare la domanda di pensione entro il 14 prossimo.
    Grazie

  243. @Agostino
    Se l’Ars non dovesse approvare la proroga del termine, presenta il modello con la clausola di salvaguardia.

  244. @teresa
    In alcuni periodi in cui il lavoratore non può svolgere la normale attività lavorativa (per malattia, maternità, disoccupazione, cassa integrazione ecc.), viene meno, per il datore di lavoro, l’obbligo di versare i relativi contributi previdenziali.
    Per garantire comunque ai lavoratori la continuazione del rapporto assicurativo per il futuro, la legge prevede l’accredito, a carico dell’ente previdenziale, di appositi contributi che vengono chiamati “figurativi”.
    I contributi figurativi sono contributi “fittizi” (cioè non versati né dal datore di lavoro né dal lavoratore) che tuttavia vengono effettivamente accreditati dall’Inps sul conto assicurativo del lavoratore per i periodi in cui si è verificata una interruzione o una riduzione dell’attività lavorativa e di conseguenza non c’è stato il versamento dei contributi obbligatori da parte del datore di lavoro.
    Bisognerebbe avere l’accesso al tuo fascicolo per avere il quadro completo della tua situazione.
    Io ti consiglio di presentare l’istanza indicando i contributi figurativi presunti.
    La Funzione Pubblica esaminerà la tua situazione e ti risponderà se potrai andare o meno in pensione.

  245. Egr. Dott. Benedetto Mineo Le sarei grato di sapere, se con l’approvazione della l. 9 del 2015 attinente la riforma pensionistica, avendo alla data del 15.05.2015 maturato età anagrafica di anni 63 mesi 8/ e giorni 17 e periodo contributivo (compreso il servizio di leva ) di anni 39 mesi 00 e giorni 7 per un totale quindi di anzianità di anni 102 mesi 8 e giorni 24, in quale periodo potrei essere collocato in pensione e quando percepire la buonuscita. Grazie e complimenti per il Suo operato veramente brillante.

  246. @enzo
    Tu possiedi già il requisito pre fornero per chiedere immediatamente il collocamento in quiescenza.
    Il termine per lèerogazione della buonuscita decorre invece dal raggiungimento del requisito fornero.

  247. DOPO questa variazione approvata dall’Ars sulla proroga per presentare la domanda per andare in pensione,occorre la pubblicazione di questa legge? Il termine ultimo era martedi 14.7.15.
    SALUTI

  248. egr dr siamo in tantissimi ad aspettare la sua risposta, e cioe’ e’ gia’ in vigore lo slittamento della domanda a 180 g???O bisogna attendere la pubblicazione della legge di modifica??.Pendiamo dalle su labbra
    grazie saluti

  249. @fabio88
    Oggi il Consiglio dei Ministri ha sostanzialmente dato la benedizione alla finanziaria impugnando solo un paio di articoli che però non riguardano personale e pensioni. Non so se riusciranno a pubblicare la legge entro martedì, magari con un’uscita staordinaria della Gazzetta, ma la proroga del termine è stata approvata e anche una pubblicazione in GURS successiva al 15, non cambia la sostanza.

  250. Salve Dott. Mineo,
    mi pare di capire che con la correzione (approvata ieri) della finanziaria, la stessa non dovrebbe essere impugnata. Io avrò raggiunto i requisiti al prepensionamento in data 02/09/2019. Vista la proroga per la presentazione della domanda di pensione, per non incorrere in inconvenienti di percorso quando devo presentare la domanda stessa? Grazie anticipatamente e complimenti per il blog. Salvo.

  251. @Salvo
    Ho già risposto ad altri allo stesso modo.
    Oggi il Consiglio dei Ministri ha sostanzialmente dato la benedizione alla finanziaria impugnando solo un paio di articoli che però non riguardano personale e pensioni. Non so se riusciranno a pubblicare la legge entro martedì, magari con un’uscita staordinaria della Gazzetta, ma la proroga del termine è stata approvata e anche una pubblicazione in GURS successiva al 15, non cambia la sostanza.
    Con la modifica della legge hai tempo fino a novembre (se non sbaglio l’11) per presentare l’istanza.

  252. egr dr. la ringrazio e’ veramente prezioso il suo contributo di professionalita’,Un domanda, ancora ,penso che la clausola di salvaguardia (non approvata) non abbia senso inserirla , anzi potrebbe essere controproducente, per eventuale dichiarazione di invalidita’ della domanda stessa ,da parte dell’amminisrazione.Cosa ne pensa in merito??
    sempre grazie e saluti

  253. @Fabio88
    Sì, infatti.
    Hai perfettamente ragione. Ormai la clausola di salvaguardia non senso inserirla.

  254. Egr. Dott. Mineo, ora che la modifica alla finanziaria è stata approvata anche a Roma, non conviene (a chi presenta la domanda di prepensionamento dopo il 14/07/c.a.) aggiungere in calce alla stessa: “CHIEDE di essere collocato in quiescienza ai sensi dell’art. 52, comma 3, della Legge Regionale 7 maggio 2015, n. 9 e ss.mm.ii.”?
    Grazie sempre per il suo contributo a fare chiarezza.

  255. @micro
    Nella sostanza non cambia nulla. Quando una legge viene modificata, le modifiche si applicano a prescindere dal fatto che vengono indicate.

  256. Egr. Dott. Mineo, la modifica alla LR 9/2015 è stata approvata e deve essere comunque pubblicata. Se non dovessoro pubblicarla (non le saprei dire per quale motovo: diciamo per cause di forza maggiore…) è sempre applicabile? Le chiedo ciò, alla luce della scadenza della domanda che deve essere fatta entro il 14/07/2015.
    Grazioe e la saluto cordoalmente.

  257. @Micro
    Sarebbe la prima volta che una legge approvata dall’Ars non viene pubblicata. Cmq stamattina sono stato all’ufficio legislativo e legale. La legge è già pervenuta e probabilmente sarà pubblicata nella gurs di venerdì.

  258. Signor Mineo,
    a decorrere dal 1°/10/2010 sono stata collocata in posizione di esonero, ai sensi dell’art.72 ,commi da 1 a 6, del d.l. n.112/2008, fino al 30/11/2014 giorno antecedente la data di accesso al trattamento di quiescenza con 40 anni di anzianità contributiva secondo quanto disposto dalla legge n.247/2007; precisato ciò vorrei sapere dopo quanti mesi mi verrà corrisposto il TFR
    ringraziandola anticipatamente la saluto.

  259. @elisabetta
    Il termine per l’erogazione della buonuscita decorre dal conseguimento del requisito FORNERO (66 anni di età + l’aspettativa di vita o 42 e 6 mesi di contributi).

  260. Egr dr mineo ho un coefficiente superiore a 102 quindi potrei andare in pensione subito. Alla luce dei rilievi mossi dalla ragioneria dello stato, approvati dall’ARS e nn impugnati dal consiglio dei ministri e’ opportuno aspettare la pubblicazione sulla gazzetta per nn avere nessun dubbio di rimanere esodati e cosa c’e’ di vero su una eventualita’ di rilievi mossi dall’Avvocatura dello Stato ? nn e’ la stessa a cui ha gia’ risposto la Giunta Regionale ? Potrei andare spedito in pensione ? Grazie

  261. @Sebastiano
    L’ars ha approvato la proroga del termine di presentazione delle istanze a 180 giorni. La proroga dovrebbe essere pubblicata nella gurs di venerdì. Il termine scade l’11 novembre. C’è tutto il tempo di vedere cosa succede.

  262. PUBBLICATA LEGGE DI MODIFICA ALLA 9/2015, IL TERMINE SLITTA A GG. 180 UFFICIALMENTE

  263. Perché si riporta la scadenza 11 novembre e non del 14 novembre?

  264. @Micro
    conta 180 giorni a partire dal 15 maggio considerando anche i mesi di 31.

  265. In virtu’ di quale legge il dipendente citato andra’ in pensione dal 1/9/2015, non rientra ne’ nella legge fornero, ne’ nellla legge regionale n. 9/2015

  266. carissimo dott MINEO .la domanda sorge spontanea se l’inps non riconosce il fondo pensione della regione sicilia , per quelli che hanno le domande di ricongiunzione in itere avranno problemi?

  267. Buongiorno Prof. Mineo, torno a rivolgermi a lei per la sua competenza. Mia moglie, assistente di scuola materna regionale r.e., alla data del 31/12/2015 si troverebbe ad avere 61 anni 7 mesi e 11 gg, e 36 anni 2 mesi e 19 gg con quota 97 e 10 mesi. Improssivamente si scopre che l’ INPS (per 1 anno e 6 mesi è stato chiesta la Legge 29/79 nel 1992 !!) da ottobre avrebbe bloccato le ricongiunzioni non riconoscendo più l’ Ufficio di Qiescenza regionale (!), anche se l’ Ufficio legale dell’ INPS Roma avrebbe chiarito che va riconosciuto. Chiamo giornalmente l’INPS e mi si dice che sono in attesa di stipulare una convenzione con l’Ufficio Quiescenza. Difficile che si faccia entro ottobre, e allora mia moglie che deve fare ??? Chiedere il prepensionamento al 31/12/2015 o al 31/12/2016 ?? Il timore è che, in mancanza di convenzione, venga dichiarata esodata !!!!!! Che fare ???

  268. @Rosalia
    Sono in contatto con il Fondo Pensioni e la Funzione Pubblica. Stanno cercando di risolvere il problema. Anche se la situazione politica e amministrativa è sotto gli occhi di tutti, escludo il pericolo esodati. Ti potrebbero semplicemente scrivere che, non avendo ancora effettuato la ricongiunzione, non puoi essere collocata in pensione.
    Comunque discuterò di questo argomento con l’avvocato che sta istruendo i ricorsi, anche qui, mi pare, ci sia una palese disparità di trattamento.

  269. Intanto ancora grazie per la risposta. Aggiungo una domanda, se l’ INPS dovesse ostinarsi a non riconoscere la ricongiunzione, e quindi non potrei andare in pensione col contigente 31/12/2015, raggiungendo i requisiti al 31/12/2016 (avendo un anno di servizio ed uno di età in più), senza bisogno di ricongiunzione, come dovrei formulare la domanda ?? Subordinandola nella stessa istanza ??? E’ ammessa ??
    Spero non disturbare ulteriormente.
    Grazie Rosalia B.

  270. Gent.mo Dott. Mineo, premesso che sono stato assunto in Am.ne Reg.le in data 01.08.1989 con concorso del 1985 (contratto 1), considerato che a dicembre 2016 potrei andare in prepensionamento con 65 anni di età e 7 mesi con un’anzianità di servizio 28 anni e 2 mesi (compreso il servizio militare), Le chiedo conferma e in che misura sarei penalizzato.
    Oppure se andassi in pensione nel Dicemre del 2018 con 67 anni di età e 31 anni e 8 mesi di servizio a cosa andrei incontro (penalizzazzione in che misura ??).
    In tutti e due i casi dovrò presentare la domanda entro l’11/11/ 2015 ??
    Ringraziando, Le porgo cordiali saluti.

  271. @Marcello M
    La domanda va presentata entro l’11 novembre p.v.
    Relativamente alle penalizzazioni, sul sito http://www.codir.it c’è la possibilità di avere una simulazione abbastanza attendibile dell’assegno di pensione, in ogni caso, per chi sceglie di andare via dopo il 2016 la quota di sbarramento passa dal 90% all’85%, quindi si avrebbe una ulteriore decurtazione del 5%.

  272. Egr dr. sono dipendente della camera di commercio di Palermo.Ho 62 anni e il 15/10/2015 maturo 40 anni di servizio.Quindi possiedo il requisito previsto dalla l. regionale 9/2015 relativo ai prepensionamenti,Non ho ancora presentata la domanda perche’ un dubbio mi tormenta(e’ il caso di dirlo trattandosi di scelta esistenziale), e cioe’ c’e’ una corrente di pensiero, pare costuita anche da segreteri generali di camere di commercio siciliane, che sostiene che gli enti camerali NON rientrano nella suddetta legge.A supporto di questa teoria si sostiene , che un articolo della legge 9/2015 parla, di risparmio che si verificherebbe a seguito dei prepensionamenti , sul bilancio regionale.Le camere di commercio pero’, sono enti autonomi e le pensioni non gravano sui bilanci regionali ma sul proprio bilancio (tra l’altro le camere siciliane, sono sprovviste di un Fondo di Quiescenza) Considerando che la presentazione della domanda di pensione corrisponderebbe ad una lettera di dimissioni volontarie, e dato che l’accordo sulla revocabilita’ all’art.3 dell’accordo parla di maturazione dei requisiti dal 01/01/2016 al 31/12/2020 e nulla è detto per coloro che hanno maturato i diritti prima del 01/01/2016.(il mio caso), ho il fondato timore che qualora, nella disgraziata ipotesi gli enti camerali non verrebbero considerati destinatari della l. 9/2015. io risulti dimesso ma senza avere diritto alla pensione (esodato.2)Puo’ fugare i miei dubbi??Puo’ darmi notizie in merito??Fiducioso in una sua risposta porgo

  273. @Romano55
    Le pensioni delle camere di commercio siciliane vengono pagate dal bilancio delle stesse Camere. Ci vorrebbe una apposita delibera camerale per l’applicazione delle norme sul prepensionamento. La Regione non può comandare in casa altrui anche se a si tratta di enti a finanza derivata.

  274. Nel ringraziarti per la celere risposta, volevo puntualizzare che la legge 9/2015 e’ stata modificata con la legge regionale 12/2015 che recita:
    9. Le disposizioni di cui agli articoli 51 e 52 della legge regionale n. 9/2015 si applicano ANCHE al personale di ruolo, destinatario delle disposizioni di cui ai commi 2 e 3 dell’articolo 10 della legge regionale 9 maggio 1986, n. 21, degli istituti regionali d’arte e professionali, delle scuole materne regionali e delle soppresse scuole sussidiarie.La legge 9/5/86 n 21 c. 2 e 3 art, 10, e’ richiamata dalla legge regionale n.29/1995 art. 19 c. 2,:
    Norme sulle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e altre norme sul commercio. ove si dice che: 1. Lo stato giuridico e il trattamento economico del personale delle camere sono quelli previsti dalle vigenti disposizioni
    in materia per il personale della Regione, in attesa dell’applicazione a tale personale delle disposizioni previste dalla legge 23 ottobre 1992, n. 421, e dal decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modifiche ed integrazioni. 2. Il trattamento di quiescenza e di previdenza del personale camerale continua ad essere disciplinato dalle disposizioni vigenti in materia per il personale della Regione, con particolare riguardo a quelle di cui all’articolo 10 della legge
    regionale 9 maggio 1986, n. 21. 3. Il personale camerale assunto successivamente alla data di entrata in vigore della presente legge dovr‡ essere iscritto, ai fini della corresponsione del trattamento di quiescenza e di previdenza, all’I.N.P.D.A.P.. A tal fine ciascuna camera dovr‡ provvedere all’adozione dei conseguenziali provvedimenti amministrativi.

    Quindi non mi pare sia pacifico che le Camere di commercio siciliane, non rientrino nella disposizione della legge reg.9/15 (tanti altri,anche segretari generali, la pensano come me ), tant’e’ che tanti camerali siciliani(contratto 1) hanno gia’ presentata la domanda ),di pensione nella mia Camera 8 su 10(escluso io e una collega), e non credo che le camere deliberanno alcuna regolamentazione della legge(e poi’ perche’ se c’e’ lalegge di modifica 12/15??,
    Alla luce di questa ricostruzione normativa (che forse non conoscevi), il tuo parere in merito rimane invariato??
    saluti

  275. @romano55
    Conoscevo la normativa.
    “A tal fine ciascuna camera dovrà provvedere all’adozione dei conseguenziali provvedimenti amministrativi”.
    A mio avviso tra i conseguenziali provvedimenti amministrativi c’è la delibera camerale per l’avvio del prepensionamento.

  276. Stante questa situazione e cioe’ nell’attesa dei provvedimenti amministrativi, la presentazione della domanda, rappresenta un salto nel buio, e si corre il rischio fondato di rimanere senza pensione (contratto 1)Come tu hai scritto il contratto 1 (requisito entro 2015) non puo’ presentare la domanda di revocabilita’, e quindi vedi in che cul de sac siamo finti,Salvo che la decisione delle camere (potrebbero anche decidere di non decidere attenzione), avvenga PRIMA dell’11 novembre ma ne dubito fortemente.Noi camerali siamo finiti in un ginepraio
    saluti cordiali

  277. egr dr. riflettendo sulla sua risposta: , in merito “A mio avviso tra i conseguenziali provvedimenti amministrativi c’è la delibera camerale per l’avvio del prepensionamento.” intende una delibera di recepimento della legge sui prepensionamenti, o la delibera per regolamentare lo scaglionamento dei pensionandi (previsto dalla legge 9/2015??)
    saluti

  278. @romano55
    Un delibera camerale che, facendo riferimento alla legge regionale 9/15, preveda la ristrutturazione dell’ente finalizzata alla spending review, da attuare anche tramite il prepensionamento secondo quanto disposto dalla legge regionale 9/15.

  279. gentilissimo dott mineo, TUTTO RISOLTO INPS FONDO PENSIONE SICILIA?

  280. Egr. Dott.Mineo,
    io ho i requisiti per il prepensionamento previsti dalla legge 9/2015. Alla data in cui presenterò l’istanza avrò maturato 38 anni e 10 mesi di contribuzione : considerato che la legge prevede un minimo di 35 la differenza che ho versto in più ( 3 anni e 10 mesi) va perduta? Si identifica diparità di trattamento? Può essere oggetto di ricorso per eventuale rimborso?

    Grazie, saluti

  281. @Antonino
    Presumo che tu abbia anche il requisito dell’età. Ad ogni modo i contributi si perdono solo se superi la quota di sbarramento del 90%. Gli avvocati stanno già predisponendo i ricorsi che a brevissimo saranno disponibili per essere sottoscritti.

  282. Egr. Dott. Mineo, lo Stato prevede, nel calcolo della pensione, il sistema misto sia per chi ha 18 anni contributivi (entro il 31/12/1995) sia quelli che hanno meno di 18 anni contributivi, con la sola differenza che per i primi (18 anni) il calcolo retributivo viene fatto fino al 31/12/2001 mentre per i secondi (< 18 anni) fino al 31/12/1995.
    La Regione prevede tutte due i periodi?

  283. @micro
    Il calcolo con il sistema misto da noi è un po’diverso e ti assicuro che, almeno fino all’approvazione della finanziaria, nessuno ci ha mai perso nulla e per questo lo hanno modificato.

  284. Egr. Dott. Mineo, la ringrazio per la risposta.
    Ma se ho capito bene, dopo l’approvazione della finanziaria, col sistema contributivo, qualcuno ci può allora perdere?
    La saluto cordialmente.

  285. Egr, un collega (contratto1) ha presentato gia’ la domanda di pensionamento, mi ha detto a brutto muso: se non presenti la domanda NOI( 8 colleghi contratto 1 hanno gia’ presentata la domanda) non possiamo andare in pensione.Capisci che quanto detto mi ha scosso,io non vorrei essere di ostacolo a nessuno. IL collega, ha pure aggiunto che ai beni culturali (assessorato regionale) ad ottobre gia’ vanno via quelli del contratto 1). E’ cosi’??A me pare una sciocchezza, visto che il termine scade per tutti il 11/11/2015(il collega sostiene invece che il termine 11/11/2015 e’ riferito solo al contratto 2.) Anche per la problematica gia’ a te descritta delle camere di commercio io vorrei ancora riflettere, prendendomi tutto il tempo possibile.Cosa ne pensi in merito??E poi’ e’ vero che ai beni cutlurali vanno ad ottobre in pensione quelli del contratto1??
    grazie saluti

  286. @giorgio55
    Il termine di scadenza delle istanze di prepensionamento è unico ed è per tutti l’11 novembre. Per comodità, essendo già giunto un numero cospicuo di istanze, alcuni dipartimenti stanno contingentando (1° ottobre – 1° gennaio 2016). Altri dipartimenti (come il lavoro) hanno deciso invece che tutti coloro che hanno già presentato istanza, andranno dal 1° gennaio 2016.
    Stai tranquillo e prenditi tutto il tempo necessario che non sei di ostacolo a nessuno. Invece di parlare a vanvera invita chi blatera a leggere la legge 9/15 e la successiva circolare https://benedettomineo.altervista.org/circolare-n-70272-del-25-maggio-2015-riforma-sistema-pensionistico-e-collocamenti-in-quiescenza-anticipati/

  287. egr grazie ma c’ero rimasto molto male, essendo un tipo che vuole pesare meno di una mosca, ma un ‘ultima spiegazione , ma se il termine scade l’11/11 come possono gia’ andare via dal 1/10/2015??
    cordiali saluti

  288. @romano55
    Sono coloro che hanno già conseguito il requisito fornero o pre fornero.

  289. egr dr, la madre di tutte le domande: ma se chi ha il diritto (contratto 1) NON presenta la domanda entro 11/11/2015 e vuole rimanere in servizio sino al raggiungimento del requisito FORNERO, cosa succede alla sua pensione??? LA LEGGE 9/2015 nulla dice in proposito (mi pare) ne’ la circolare (mi pare), si guadagna andando in pensione con legge fornero??Si passa statali intergralmente???E’ UN MISTERO, nessuno lo sa, spero tranne lei
    saluti

  290. @romano55

    Art. 51 comma 1 della l.r. 9/15

      Armonizzazione del sistema pensionistico regionale con quello statale
      1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, al fine di armonizzare il sistema pensionistico regionale con quello statale, il calcolo della quota retributiva di pensione del personale regionale destinatario delle disposizioni di cui all’articolo 10, commi 2 e 3, della legge regionale 9 maggio 1986, n. 21 è effettuato in base alle norme relative agli impiegati civili dello Stato (frase ancora sibillina e tutta da scoprire).
  291. Caro Benedetto innanzitutto un grande ringraziamento per il lavoro che svolgi per tutti noi. Il mio quesito:
    avendo maturato 41 anni di servizio (a fine anno saranno 42) ed essendo nato nel maggio 1953 (62 anni e 4 mesi) so che facendo domanda potrei andar subito in pensione. Il mio dubbio e’ questo: a fine ottobre 2016 avro’ raggiunto i 42 anni di servizio e 10 mesi e potro’ lasciare il lavoro con la legge Fornero (spero senza penalizzazioni). Sono dipendente regionale dal 1 febbraio del 2006, ma il concorso a cui ho partecipato era stato bandito almeno 8 anni prima (non ho ancora ben capito se appartengo al contratto 1 o 2 e quale sia la differenza in termini economici); gli anni precedenti sono stati tutti ricongiunti. Ho convenienza ad aspettare di maturare i requisiti massimi nell’ottobre 2016 (legge Fornero) oppure far domanda di pensionamento e andar via appena possibile? Ti ringrazio anticipatamente. Giuseppe

  292. @Giuseppe
    Se sei contratto 1, non si applica alcuna penalizzazione solo se maturi il diritto di cui al decreto legge n. 201/2011 (requisito Fornero) entro il 31 dicembre 2015, ferma restando la soglia di sbarramento del 90%. In sostanza il fatto che tu consegua il requisito fornero a ottobre 2016, fa si che tu debba subire una penalizzazione del 10% della quota retributiva e la soglia di sbarramento del 90% (in sostanza la tua penalizzazione potrebbe arrivare al 20%). Ritengo, pertanto, che tu non abbia alcun beneficio dalla permanenza in servizio fino al 2016.
    Diverso è il caso in cui tu dovessi appartenere al contratto 2. In questo caso la permanenza in servizio fino alla fine ti aumenta il montante contributivo.

  293. Una piccola aggiunta: se non ricordo male il concorso era stato bandito nel 1985. Grazie, Giuseppe

  294. Egr dr, una domanda flash: ma l’accordo sulla revocabilita’, deve essere approvato dall’ars o e’ gia’ in vigore??
    saluti

  295. @romano55
    L’accordo sulla revocabilità è già valido ed efficace, per quello che può valere, visto che la revocabilità è lasciata alla discrezionalità dell’amministrazione ed è legata a vincoli di bilancio e di spending review.

  296. Egr dr, gira in ufficio questa tesi: noi contratto 1, se l’ amministrazione da il placet per andare in pensione nel 2016(entro 1 anno), ricadremmo nella tagliola della decurtazione del 15% e non del 10% che ci spetterebbe qualora il placet, fosse riferito al 2015 .Cosa pensa?
    Saluti

  297. @R
    Lascia perdere i “sentito dire”.
    Per i contratto 1 la norma parla di decurtazione del 10% fino al 31 dicembre 2020.
    Quello che cambia è il tetto di sbarramento dei trattamenti stipendiali degli ultimi cinque anni: del 90% fino al 31 dicembre 2016, 85% dal 2017 al 2020.

  298. egr dr Io contratto 1 mi e’ stato detto che non posso piu’ revocare la domanda, perche’ avendo i requisiti, all’entrata in vigore della legge, sono trascorsi i 3 mesi per chiedere la revocabilita’ .Conferma???
    saluti

  299. @Giorgio
    Il problema non è che sono trascorsi 3 mesi. L’accordo prevede la revocabilità per i dipendenti che maturano i requisiti nel periodo 2016-2020. Resta quindi escluso il 2015.

  300. Egregio dott. Benedetto Mineo,
    Potrebbe fornirmi il documento dell’Ars che prevede la revocabilità della domanda di pensionamento.
    Inoltre, vorrei chiederLe, se nella domanda di pensionamento, avendo già maturato la massima anzianità contributiva (anni 40), si può scegliere di andare in pensione (rimanendo in servizio per un altro anno) con i requisiti di vecchiaia (età 65 e 7 mesi), oppure si è obbligati a lasciare il servizio, in quanto si è già maturata la pensione per massima anzianità contributiva.
    Grazie
    Cordiali saluti

  301. Caro Dr. Mineo desidero sapere, dalla Sua Cortesia, che fine ha fatto la famosa revocabilità del dipendente che ha fatto o farà entro l’ 11 nov. 2015 la domanda di pensione anticipata a seguito dell’accordo ARAN – SINDACATI? deve necessariamente essere publicato sulla Gazzetta Uffficiale della Regione Siciliana?

  302. @Piero
    Su questo blog ho pubblicato l’accordo sulla revocabilità dell’istanza di pensionamento che, proprio per il fatto che si tratta di un accordo amministrazione-sindacati, non necessita di pubblicazione in Gazzetta.

  303. Dott. Mineo, dovendo presentare entro l’ 11/11/2015 domanda di pensionamento, le chiedo il seguente quesito:
    sono un dipendente regionale assunto con la legge reg.le 15/ 05/1986 n° 26 ed entrato in servizio 01/04/1991, entro la fine di dicembre 2016 avrò una anzianità anagrafica di 65 anni e 7 mesi, desidero sapere se rientro nei requisiti pre-FORNERO per la richiesta di pensione di vecchiaia.
    La ringrazio anticipatamente e cordiali saluti
    Giovanni

  304. egr dr. mi spiega ??non capisco la sua risposta a giovanni51.Come puo’ rientrarci??Se vedo le tabelle il sig. giovanni ha 65 anni e 7 mesi(nel 2016) e 24 anni di servizio quota 89 e 7 mesi o sbaglio io??
    saluti

  305. @Giorgio
    Va in pensione per vecchiaia con il requisito anagrafico pre fornero.

  306. scusa ho confuso anzianita’ con vecchiaia certo che ci rientra
    saluti
    giorgio

  307. Qualcuno mi può indicare le frazioni di quota occorrenti per l’ accesso alla pensione negli anni 2017 – 2020 , stante che la circolare regionale n. 70272 del 25 maggio conteggia solamente quelli del 2015 (97,3= 97 anni 3 mesi e 18 gg) e quelli del 2016 (97,6= 97,7 mesi e 6gg)? e come vengono calcolate?
    Grazie

  308. Pare che il parere dell’ufficio legislativo della regione sull’ estendibilita’ della legge 9/2015 al personale della camere di commercio siciliane sia , purtroppo, negativo.Per quanti di noi che abbiano gia’ presentata la domanda di pensione, incombe il rischio di diventare esodati o no?? Sul questo BLOG c’e’ un tuo articolo che fa tremare i polsi, sul fatto che la domanda di pensione per il pubblico impiego corrisponda a dimissioni volontarie. e cosi’?? E se non ci rientriamo quali scenari si prospettano per noi camerali??Con quali norme andremo in pensione??
    un saluto

  309. @Romano55
    Non ho ancora il parere dell’Ufficio Legislativo e Legale e non sono sicuro che sia stato già esitato.
    Ho saputo che è stato parecchi giorni sul tavolo dell’avvocato generale per approfondimenti e riflessioni.
    Relativamente al problema esodati, il rischio dovrebbe essere scongiurato essendo le dimissioni finalizzate al prepensionamento ai sensi dell’art. 52 della L.r. 9/15.

  310. Egr. Dott. Mineo, c’è una (seppur minima) possibilità che quelli del contratto 2 possano fare un ricorso, visto che per lo Stato il sistema misto può applicarsi sia a quelli che hanno 18 anni di contributi entro il 1/1/1996 sia a quelli che hanno meno di 18 anni (varia solo il periodo relativo al calcolo retributivo)?
    Grazie sempre (il suo sito è l’unico che permette di ottenere qualche risposta).
    Cordialmente.

  311. @Micro
    Guarda che per i contratto 2 non c’è alcuna differenza con gli statali.
    Semmai abbiamo parlato con l’avvocato di una problematica di cui ci siamo accorti e che riguarda principalmente i contratto 2, ma che, per il momento, non posso anticiparti.
    La problematica è in fase di studio.
    Se l’avvocato riterrà fondati i presupposti, proporremo un ulteriore ricorso.

  312. Se c’è la possibilità di fare ricorso (contratto 2), quando sarà, prima mi iscriverò al sindacato e poi mi unirò agli altri per il ricorso (peraltro, conosco l’Avv. Rubino).
    Inoltre, mi hanno comunicato dalla F.P. che dal 1/12/2015 (!) andrò in pensione.
    Ma con quale retribuzione? Non l’ho ancora capito (e saputo). Ho provveduto solamente a studiare, per quello che posso (ho fatto una marea di calcoli), il metodo di calcolo, ma alla F.P. purtroppo mi hanno detto che il calcolo che fanno loro è leggermente diverso (sic!).
    Cordialmente.

  313. PRE FORNERO CHE SCADE L’11 NOVEMBRE 2015
    Se saranno in pochi quelli del CONTRATTO 2 a presentare la domanda, credo che saranno costretti a riaprire i termini con condizioni diverse tipo: 1) inserire nel CONTRATTO 1 quanti hanno iniziato a lavorare nella Pubblica amministrazione prima del mese di maggio 1986 ( legge 21/86); 2) revocabilità senza condizioni della Pubblica amministrazione; 3) faranno i conteggi sicuri dell’ assegno pensionistico; 4) Tfr entro 1 anno dalla pensione. Cav.Ing.Gaspare Barraco.Marsala.

  314. Egr. Dott. Mineo, ho iniziato a lavorare nel privato il 1/12/1985 (contributi INPS), ho riscattato l’università 5 a. (frequentata dal 1973 al 1978) e il militare nel 1978, per cui al 31/12/1995 ho 16 anni di contributi versati. A questo punto, dovrebbero farmi il calcolo con sist. retributivo fino al 31/12/1995 e poi contributivo dal 1/1/1996. E’ così o mi sbaglio? Se dovessero farmi il calcolo solo col sistema contributivo, ciò, non è oggetto di ricorso?
    Grazie.
    Cordialmente.

  315. salve
    io sono un artigiano di 57 anni e dovrei avere 38 anni di contribuzione con anno militare riscattato, dovrei in teoria arrivare anch’io a quota 97 e 3 mesi, se ho ben capito?
    ossia tra 1 anno circa, oppure per gli autonomi che hanno avuto anche in passato circa 10 anni di lavoro dipendente cambia qualcosa?
    grazie per l’attenzione

  316. @Ignazio
    Ignazio, fai attenzione!
    Le norme sul prepensionamento sono rivolte solo ai dipendenti regionali per svecchiare e snellire gli organici.
    Tu devi fare riferimento ai requisiti Fornero.

  317. Your comment is awaiting moderation.
    E’ arrivato il parere dell’ufficio legale, noi camerali( Camere di commercio) NON rientriamo nelle legge 9/2015.Progetti andati un fumo, gente di 60 e passa anni (contratto1) con 40 anni di servizio, inchiodati per altri 3/4 anni.Egr dr, un tuo commento?? Il parere (che avrai letto) non tiene conto della legge reg,29/95 che all’art, 19 recita (chiaramente):,: al personale camerale spetta il trattamento economico e di quiescenza del personale regionale.La legge 9/2015 non si puo’ interpretare in via analogica (citano nella riposta al parere, una sentenza del consiglio di stato vedi), ma quale analogia?? Se c’e’ una norma chiara!!!(legge 9/2015), poi noi camerali graviamo TUTTI (per ufficio legale) per le pensioni su inps(ex inpdpap) , (per niente vero) ,solo quelli assunti dopo il 1995, noi vecchi graviamo solo sui bilanci camerali.Quindi ignoranza(del mondo camerale) e superficialita’. Non solo, ora si e’ creato il caos normativo, con quale legge andremo in pensione?? STATO?? , regione ???Cosa ne pensi??

  318. @Romano
    Domani pomeriggio abbiamo appuntamento con il nostro legale per fare il punto sui ricorsi.
    Vedremo il da farsi sulle Camere di Commercio.

  319. egr aggiungo che tutte le leggi regionali sono state sin’ota, applicate dalle camere di commercio siciliane, buon ultima il prepensionamento legge 104 (ma nessuno alzo’ un dito)Colleghi andati in pensione con 25 anni di servizio o giu di li’ e “giovani”, per non parlare delle leggi sul personale (permessi, ecc ecc) stipendi ecc.Rende noto che le camere siciliane sono state equiparate alla regione nel lontano 1965!!!

  320. Egr. Dott. Mineo, c’é un termine di scadenza per la revoca della domanda di prepensionamento?
    Vale per tutte due i contratti 1 e 2?
    Grazie.
    Cordialmente.

  321. Egr dr, avete deciso qualcosa, in merito ai ricorsi delle camere di commercio?

  322. @romano55
    Ne abbiamo parlato con l’avvocato che, tra l’altro, aveva ricevuto alcune telefonate dai diretti interessati. L’avvocato vuole leggersi un po’ di carte, ma, in ogni caso, l’unico atto impugnabile è il provvedimento di diniego da parte della Camera di Commercio.

  323. mi scusi dottor Mineo, una lavoratrice del settore spettacolo con i primi contributi versati nel 1981, nata il 2/8/1961, a che età e con quanti contributi può andare in pensione? E’ vero che la qualità del contributo non conta per il raggiungimento di una pensione “decente”, ma conta solo il numero? Mi scusi, ma sono saltati i vecchi parametri già di per se’ confusi…so solo, se è ancora vero, che ci vogliono un minimo di 2400 contributi e 20 anni di attività ma ovviamente la cifra mensile sarebbe ridicola, quasi meno della “sociale”. Quindi come fare per raggiungere una pensione da normale lavoratore? Consideri che molte imprese private non versano il contributo allacciato alla paga, mi spiego: su una paga di 200 euro giornaliere lorde, a volte versano il contributo sul minimo sindacale di circa 70 euro. Questo inficia la cifra mensile della pensione? o no?
    grazie mille Alessandra

  324. @alessandra borgia
    I lavoratori del settore spettacolo sono molto variegati. All’interno del settore spettacolo sono ricompresi registi, direttori di scena, il gruppo tecnici, gli operatori, i truccatori, etc. etc.
    Ti invio il link che ti rinvia al sito dell’Inps su cui puoi verificare personalmente i requisiti anagrafici e contributivi per l’accesso alla pensione.
    Relativamente alla seconda problematica che poni, ti consiglio di richiedere un estratto conto alla sede Inps della tua città per verificare personalmente i contributi versati e poi, eventualmente, rivolgiti ad un patronato.

    Ecco il link. http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=11313

  325. Egr. Dott. Mineo, si può riscattare un periodo lavorativo nel privato (studio tecnico abbastanza qualificato) sulla base di un attestato rilasciato dal Titolare (proprietario) e pagando, ovviamente, la contribuzione spettante al periodo lavorativo?
    Se così fosse (ma è chiaro che mi sembra difficile), ci guadagnerei quasi 1 anno nel calcolo pensionistico.
    Cordialmente

  326. Gent mo Dott Mineo sono un dipendente regionale, ho 62 anni e 34 di contributi,quando potrei andare in pensione?, e con quali requisiti? Ringraziandola per la sua risposta le auguro buone feste.

  327. @olindo guagliardo
    Presumo che tu abbia presentato istanza di prepensionamento ai sensi della legge regionale 9/15. In questo caso puoi andare in pensione non appena raggiungi i 35 anni di contributi.

  328. Dott. Mineo ha saputo se qualche Camera di Commercio ha dato risposta alle domande di prepensionamento sia in senso positivo e/o in senso negativo ?
    Sarebbe utile saperlo per evitare disparità tra lavoratori e per un eventuale coordinamento tra le Camere.
    La ringrazio e Le porgo cordiali saluti.

  329. @dario
    Farò una ricognizione e vedrò di darti una risposta.
    Saluti

  330. spett Dott. Mineo
    volevo un informazione che da tanti è sempre confusa .
    sono coll.scol. nato il 31/03/1950 quindi ai 1/9/2016 ho 67 anni e 5 mesi
    la mia pensione si chiamerà anticipata o di vecchiaia.
    poi volevo sapere semi conviene andare in pensione dicendomi che avrò delle penelizzazzioni anche del 2 per cento.
    grazie anticipata per la risposta
    saluti un coll,scolastico siciliano

  331. @Tano
    Non mi pare che, al di fuori dei dipendenti regionali e dei dipendenti delle province in esubero, vi sia una finestra di prepensionamento generalizzata. In ogni caso il requisito per essere collocato in pensione per vecchiaia è 66 anni e 3 mesi fino al 31 dicembre 2015 e 66 e 7 mesi dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2018.
    Fatti un po’ il conto.

  332. sono dimissionario da poste italiane dal 31 marzo 2013 con 37 anni e 1 mesi di contributi versati Sono nato 11 gennaio 1953 . Al 31 dicembre 2015 avevo 59 anni 11 mesi e 20 giorni con 36 anni e 10 mesi di contributi versati. Alla data 11 gennaio 2016 compio 63 anni di età . Posso usufruire dell’art. 24 comma 15-bis del DL 201/2011? Grazie

  333. @Rosario Attardo
    Mi pare che la norma parli di “lavoratori che abbiano maturato un’anzianita’ contributiva
    di almeno 35 anni entro il 31 dicembre 2012”.

  334. Mi scusi del disturbo ma ho bisogno di un chiarimento perchè ci sono pensieri diversi.
    Premetto io faccio parte di quel gruppo di persone ciamati “esodati” pertanto in attesa di approvazione istanza salvaguarda per poter accedere alla pensione di vecchiaia con i requisiti della riforma Sacconi.
    Io il 28 settembre 2015 ho compiuto 60, secondo la tabella riforma Sacconi i requisiti del 2015 erano 60 + 6 mesi. Ora il problema è che i sei mesi li maturo a cavallo 2015/2016 essendo nata nel mese di settembre.
    Domanda: i sei mesi dovevano essere maturati ENTRO dicembre 2015? Nel mio caso stando a cavallo 2015/2016 in automatico mi scatta il requisito richiesto 2016, sempre in base alla riforma Sacconi, di 61 + 1mese?
    La ringrazio in anticipo e mi auguro di avere una sollecita sua risposta che potrà determinare il mio possibile accesso alla VII salvaguardia da poco approvata

  335. @lolly
    La settima salvaguardia dovrebbe privilegia i lavoratori che maturano il diritto alla pensione entro il 2015, verificato sulla base della disciplina previgente la legge Fornero.

  336. Ok, ma io volevo sapere, in base ai dati che le ho scritto riguardanti la mia persona, quando maturo i requisiti per la pensione di vecchiaia con la riforma Sacconi sintetizzo di seguito:
    data nascita 28 settembre 1955
    28 settembre 2015 compimento 60 anni
    +
    6 mesi DI CUI 3 MESI NEL 2015 E 3 MESI 2016
    =
    28 marzo 2016 maturazione requisiti

    OPPURE STANDO A CAVALLO TRA 2015 E 2016 PER I 6 MESI .IN AUTOMATICO MI SCATTA l’aumento dell’età anagrafica.
    28 settembre 2016 compimento 61 anni
    +
    1 mese
    =
    28 ottobre 2016 maturazione requisiti
    Per farla breve l’enigma nasce per chi, come me, non matura i sei mesi tutti entro il 2015.

  337. @lolly
    Stare a cavallo tra 2015 2 2016 non significa nulla. Tu non avevi il requisito al 31 dicembre 2015 e quindi, in automatico, scattano i nuovi requisiti legati all’aumento dell’aspettativa di vita.

  338. Egr. Dott. Mineo, nel calcolo della pensione, vanno considerate le indennità di risultato (alias raggiungimento degli obiettivi contrattuali, max 30%)?
    Grazie.
    Cordialmente.

  339. @Micro
    Nel calcolo della pensione vanno inseriti i compensi aventi carattere fisso e continuativo.

  340. Gent.mo dott. mineo avendo presentato domanda di prepensionamento, raggiungerò i requisiti
    il 15 maggio prossimo, c’è la possibilità di chiedere di essere messo in pensione il prossimo dicembre 2016?
    grazie per la risposta

  341. @Olindo
    I dipartimenti hanno già trasmesso alla funzione pubblica gli elenchi del personale effettuando una sorta di contingentamento. Informati presso il tuo dipartimento.

  342. Egr. Dott. Mineo, sono in prepensionamento dal 1° dic. c.a. (sono un F3 con contratto 2 ma il calcolo me l’hanno fatto con il sistema misto fino al 31/12/1995 e poi contributivo).
    Posso fare ricorso come quelli del contratto 1?
    Grazie.
    La saluto cordialmente.

  343. @Micro
    No, per coloro che appartengono al contratto 2 sono allo studio appositi ricorsi.

  344. Egr. dott. Mineo, le sarei grata se potesse rispondere alla mia email.
    Sono nata il 19.01.1953 assunta nella P.A. E.L. IL 01.08.1980.
    Quindi l’1.’08.2015 ho compiuto 35 anni di servizio + 10 mesi di contributi figurativi (maternità prima del lavoro) pari a un totale di 36 anni il 10.10.2015.
    Oggi ho 63 anni+36a+4m di servizio
    Posso presentare domanda di pensione?

  345. Strabiliato dalla Sua cortesia, attenzione e preparazione. Complimenti! Il 17/11/15 ho compiuto 61 di età e 39 di contributi. (Docente primaria).Posso veramente andare in pensione? Se si, sarò penalizzato? Mi appello alla Sua gentilezza se non mi rimanderà a tabelle. Mi farà felice se mi risponderà personalmente dato che confusione e certezze, non Le nascondo, mi paralizzando. Grazie infinite e cordiali Saluti!

  346. Ho scritto prima. Docente primaria. Il 17/11/15 ho compiuto 61 e 39 di contributi. Mi dice per favore se posso andare in pensione? Se si a quali condizioni. Grazie infinite

  347. @Leonardo
    Se non dovessero intervenire modifiche alla legge Fornero o leggi di settore per svecchiare gli organici, potrai andare in pensione non appena raggiungerai 43 anni e 2 mesi di contributi.

  348. GENT.ISSIMO DOTT.MINEO

    Sono un dipendente privato nato nel 1952 e con una anzianita’ di servizio , ad oggi di 39 anni e 10 mesi piu’ un anno di militare.
    Vorrei capire se posso andare in pensione con la legge Fornero che, sebbene mi abbia penalizzato negli anni precedenti, mi dava l’opportunita’ di andare con 64 anni di eta’ e 41 e 7 mesi di anzianita’ ovvero a settembre di quest’anno.
    La ringrazio anticipatamente

    eugenio.

  349. @Eugenio Pigna
    Fino al 2018 occorrono 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 e 10 mesi per le donne.

  350. egr. dr. mineo, vorrei da lei un chiarimento circa la mia quiescenza.
    sono nato il 19/09/1956 ed assunto presso l’amministrazione regionale a far data 1° dicembre 1980. stante quanto premesso vorrei conoscere quando potrò essere in pensione e con quanta eventuale penalizzazione. ringrazio.

  351. @Giovanni
    Se hai presentato l’istanza, a luglio 2018 dovresti essere collocato in pensione.

  352. eccellente muro. si attingono notizie con sicuro fondamento. grazie di esistere

  353. Salve, sono un dipendente dell’Amministrazione Regionale in servizio dal novembre 1992. Mi è stata riconosciuta dall’INPS un invalidità dell’80% con una inabilità assoluta e permanente a svolgere qualsiasi attività lavorativa. Ho già fatto richiesta presso l’Amministrazione per essere sottoposto a visita medico collegiale. Vorrei sapere con quale importo andrò in pensione avendo solo 55 anni di età e se la mia pensione verrà calcolata con il sistema misto. Grazie.

  354. @Antonio
    Ma se non ricordo male occorre una invalidità del 100%.
    Cmq se sei contratto 1, il calcolo dovrebbe essere effettuato con il sistema misto.

  355. egr. dr. mineo, lavoro presso l’amministrazione regionale e desidero sapere quando e se potrò essere posto in pensione posto che il 31 dicembre 2018 avrò compiuto 62 anni e 3 mesi ed avendo 31 anni di contributi versati. grazie molte.

  356. @Giuseppe
    Se non sbaglio ti ho già risposto, ma mi avevi indicato altri requisiti.
    Con i requisiti che comunichi in questo commento, non puoi andare in pensione. Con la pre fornero, infatti, occorre raggiungere due requisiti minimi: 61 anni e 7 mesi di età e 35 di contributi o 62 anni e 7 mesi di età e 35 di contributi, raggiungendo la quota di 97,7.

  357. Gentilissimo Dott. Benedetto Mineo
    Raggiungo i requisiti ante Fornero (61 a + 7m e 39 a di servizio) il 25.12.2016, ma penso ci sia la finestra di 12 mesi da rispettare.
    Posso andare in presensionamento per esubero con l’apertura della finestra (25.12.2016) o sono escluso perchè si deve rispettare la chiusura della finestra (25.12.2017).
    Grazie per la risposta

  358. @Leonardi Leonardo
    Hai requisiti pre fornero per accedere al prepensionamento ma il tuo prepensionamento e l’eventuale “finestra” dipende dall’ente presso cui lavori. Alla Regione Siciliana, ad esempio, non c’è alcuna finestra e il personale viene posto in quiescenza al raggiungimento del requisito.

  359. Gent.mo Dott. Mineo vorrei dei chiarimenti sulla fruizione del congedo biennale per assistenza ai portatori di handicap grave (D. L.vo 151/2001 art. 42). Non mi è chiaro: se fruisco del congedo in maniera frazionata, cioè dal lunedì al venerdì ed il lunedì successivo mi assento perchè sono in malattia, in congedo ordinario o se fruisco dei benefici della Legge 104/96, vengono computati anche il sabato e la domenica al fine del conteggio dei due anni spettanti nell’arco della vita lavorativa? Grazie.

  360. Egregio Dott. Mineo, sono nato il 5/3/1955 e sono stato assunto il 15/3/1978 a seguito della legge 285/77 presso l’Ufficio Tecnico Erariale (Amministrazione Finanziaria). Ho vinto un concorso presso l’Agenzia delle Entrate ( ovvero stessa Amministrazione Finanziaria) il 1°/4/1996.
    Nel prospetto INPS risulta solo il periodo 1/1/1984-30/9/84, mentre del periodo precedente (15/3/1978- fino al 1° /1/1984) non c’è traccia e il periodo seguente ( 1/10/84- 31/3/1996) risulta indicato ma con contributi pari a zero.
    La mia Amministrazione ha precisato che il servizio prestato dal 15/3/1978 al 31/01/1983 è stato computato ai sensi del DPR 1092/1973 (art.11) e il restante periodo dal 01/02/1983 al 31/03/1996, prestato come Diurnista presso l’U.T.E. è utile ai fini pensionistici ai sensi della legge 1077/1966.
    Ha motivato le discordanze col fatto che l’INPS ha creato una banca dati in maniera autonoma, senza acquisire preventivamente i dati in possesso dell’Amministrazione.
    Le chiedo cortesemente come posso aggiornare la mia posizione assicurativa presso l’INPS e quando potrò andare in pensione in base ai requisiti per l’accesso al pensionamento anticipato.
    La ringrazio infinitamente
    Giovanni

  361. @giovanni
    Con la legge attuale si può andare in pensione o per vecchiaia o per raggiungimento del requisito contributivo massimo.
    Se non vengono modificati gli attuali requisiti, potrai andare in pensione a maggio 2021 con 43 anni e 2 mesi di contributi, requisito che raggiungi qualche mese prima dei 66 anni e 11 mesi di età.

    Ti consiglio di recarti personalmente all’Inps con la documentazione in tuo possesso per il riconoscimento dei periodo di contribuzione mancanti.

    Pensione di vecchiaia

    Pensione anticipata

  362. Egregio Dott. Mineo le ho posto un quesito il 16 febbraio u.s. ma non ho ancora ricevuto il Suo chiarimento…. con l’occasione Le scrivo che nella stessa per mero errore ho scritto Legge 104/96 anzichè Legge 104/92. Attendo una Sua risposta. Cordiali saluti.

  363. @Elisabetta
    Mi sarà sfuggito.
    In serata vedrò di recuperare il messaggio è rispondere.

  364. Egregio Dott. Mineo, sono un dipendente Provinciale dal 12/02/1979, assunto con le leggi speciali essendo un invalido del lavoro con l’ 80% di invalidità, al 10/12/2016 maturo i 42 anni e 10 mesi comprensivi dei 5 anni figurativi previsti dalla Legge 23 dicembre 2000, n. 388 (articolo 80, comma 3). Chiedo se posso accedere al prepensionamento per esubero e dunque anticipare di 7 o 8 mesi il periodo del 10/12/2016, visto che l’Amministrazione sta chiedendo le certificazioni all’inps. Grazie. Attendo una sua risposta.

  365. @Annibale
    Se la tua amministrazione ha proclamato lo stato di esubero, il prepensionamento è previsto dalla legge.

  366. egr. dr Mineo, chiedo quando posso essere posto in quiescenza dato che sono stato assunto il 1 dicembre ’80 ed essendo nato il 19 settembre ’56. ho presentato come previsto la domanda per usufruire della prefornero, ma non c’è certezza nella data della mia quiescenza; c’è chi dice fine aprile 2018, c’è chi dice settembre 2018 e chi addirittura fine 2020. Può essere preciso almeno Lei. grazie.

  367. @Carmine
    Raggiungendo il requisito contributivo dei 36 anni il 1° dicembre 2016, devi attendere il raggiungimento del requisito minimo dell’età, 61 anni e 7 mesi che, se non ho fatto male i conti, dovrebbe avvenire ad aprile 2018.

  368. egr Dott Mineo sono un operaio dipendente agricolo ho 59 anni compiuti
    al 31 12 2015 ho versato 42,sei mesi di contributi di di cui sei anni
    marittimi e 39 e sei mesi agricoli avendo fatto domanda di pensione
    ancora mi viene detto che le giornate agricole il mio datore di lavoro deve versarle in quando i versamenti agricoli sono trimestrali e giusto che io debbo aspettare il versamento del mio datore che l’ultimo versamento lo compie a giugno 2016
    grazie anticipatamente se vi vuole rispondere colgo l’occasione x agurare buona
    pasqua

  369. @ santo romano
    La normativa dice che trimestralmente il datore di lavoro deve presentare all’Inps territorialmente competente il modello “DM AG-UNICO” (circ. 153/2002) al fine di dichiarare le giornate impiegate e la retribuzione corrisposta.
    Il calcolo della contribuzione va effettuato sulla base della retribuzione giornaliera corrisposta al lavoratore in relazione alla qualifica e alle mansioni svolte.
    Io, comunque, ascolterei anche il parere di un patronato.
    Ricambio gli auguri di buona Pasqua.

  370. Egr dr mineo, ormai assodato che noi dipendenti camera di commercio NON rientriamo nella legge sui prepensionamenti, le chiedo un suo parere in merito al fatto che: il primo comma dell’art. 52 della legge 9/2015 prevede anche per noi (pensionandi ormai solo con la legge Fornero) le decurtazioni previste per chi fruisce dei prepensionamenti.Per la serie cornuti e mazziati.Le sembra equo??? La via dei ricorsi e’ lunghissima e onerosissima e se si perde (probabile) si viene condannati pure a pagare le spese alla camera di commercio.
    E’ giusto che dopo 43 anni di servizio si venga egualmente penalizzati ???

  371. Gent.mo dott.Mineo avevo precedentemente scritto ma non vedo pubblicato nulla. Ripeto la mia richiesta: io con la Legge pre-fornero andrò in pensione ad aprile 2017 con i 61 anni e 7 mesi e i 37 anni maturati in quanto l’Ente è in dissesto e io sono in esubero.La mia domanda è. dovrò aspettare oltre questa data la finestra di 1 anno? .La prego di rispondere al mio indirizzo o sulla stessa pagina. Grazie.

  372. @Maria
    Nella tua richiesta non mi dici se si tratta di ente regionale di cui all’art 1 della legge regionale 10/2000 o di ente statale.
    Se si tratta di ente statale, dovrebbe trovare applicazione la circolare inps 4/14 nella quale si parla di 12 mesi di finestra mobile.

  373. Con la legge 17 maggio 2016 n. 8 anche i dipendenti degli enti pubblici possono usufruire dell’istituto del prepensionamento. Allo stato attuale personalmente maturerò in data 19/08/2016, come comunicato dall’ INPS, il diritto alla pensione con i requisiti previsti dalla normativa previgente alla legge 214/2011 e cioè 97 e mesi 7 con una età anagrafica di 61 anni (18.01.2016) e 37 anni di servizio. Nella stessa comunicazione si da atto che la relativa finestra sarà con decorrenza 19/08/2017 cioè dopo un anno.
    Alla luce della nuova legge sopra richiamata posso essere collocato in pensione prima della data del 19/08/2017 cosi come comunicato dall’ INPS?. Vale la pena presentare la domanda o aspettare l’apertura della finestra?. e chi dovrebbe pagare nel tempo intercorrente fino al 19/08/2017? tanti dubbi e non so cosa fare. grazie rosario

  374. @Rosario
    Dubito che potrà essere applicata la disciplina del prepensionamento se “gli enti medesimi provvedono alla ridefinizione della propria dotazione organica”, così come dice l’art. 1 della legge 8/16.

  375. Gianni,
    Buongiorno Dottor Mineo,
    Grazie per la sua disponibilità e pazienza, vorrei un chiarimento sulla mia posizione;
    1) ho contributi marittimi bandiera estera come giovanotto di macchina totale settimane n. 53 periodo;
    dal 06/10/1977 al 31/12/1977 settimane n. 13;
    dal 01/01/1978 al 07/04/1978 settimane n. 14;
    dal 08/11/1978 al 31/12/1978; settimane n. 8
    dal 01/01/1979 al 27/04/1979 settimane n. 17;
    questi contributi vanno in maggiorazione, come ha scritto l’INPS nel mese di maggio 2016,
    con un totale di contributi n. 53 di normale navigazione mentre n. 21 di maggiorazione da usufruire al momento della domanda di pensione, legge 413/1984 art. 24/25/26.
    Ma il mio dubbio rimane in quanto sono in possesso di libretto di vaccinazione TBC e IVS Internazionale e tessera sanitaria Nazionale, alla luce di quanto scritto ho diritto ad un ulteriore maggiorazione dei contributi?
    La prego di darmi una risposta.
    Poi posso fare domanda di prepensionamento faccio 40 anni di contributi nel mese di giugno 2017 e 57 e 6 mesi di età il mio ENTE ERSU PALERMO EX EAS.
    Grazie le Auguro Tanta serenità è salute.
    Gianni.

  376. @Gianni
    Non ho mai sentito parlare di queste maggiorazioni. Posso chiedere chiarimenti alla Funzione Pubblica o al Fondo Pensioni e ti faccio sapere.

  377. Grazie tante,
    Dottor Mineo, aspetto con ansia la sua preziosa risposta.
    mi scuso per il mero errore le settimane di contribuzione marittima bandiera estera sono n. 52.
    Cordiali saluti.
    Gianni.

  378. Gentile Dott.Mineo,
    la mia domanda si riferisce alla indenità informatica, mi occupo di borse di studio nel tempo il lavoro si è evoluto mi spiego meglio, tutto il lavoro riferito alla fase istruttoria si fa online utilizzando programmi vari quindi in realtà lo scrivente trascorre tutto il periodo giornaliero lavorativo davanti al computer lo stesso e parte integratnte del lavoro di cui sopra. Quando dico che nel tempo il lavoro si è evoluto mi riferisco al computer che non è più strumento per istruire le pratiche e quantaltro ma parte integrante di essa, ciò significa stare davanti al computer sempre.
    Quanto sopra, ho diritto a chiedere la indennità di informatica,grazie.
    Cordialmente
    Giuseppe

  379. @Giuseppe
    Ecco cosa dice un parere dell’Aran Sicilia a proposito dell’indennità informatica che chiarisce, in sostanza, che non può essere corrisposta per il solo fatto di stare tutto il giorno al computer ma è necessario programmare ed elaborare dati all’interno di un CED.

    Quali sono i criteri per la corresponsione dell’indennità informatica?
    L’attribuzione dell’indennità informatica spetta, secondo quanto previsto dalla disciplina contrattuale contenuta al punto 7) dell’Allegato M al vigente CCRL, ai soggetti assegnati ad un centro formalmente costituito o ad un sistema informativo elettronico,
    “cioè ad insieme di servizi comprendenti la fase di programmazione – acquisizione ed elaborazione di dati -, e quella relativa alla
    realizzazione registrazione o controllo di sistemi informativi”.
    Oltre alla formale assegnazione ad una struttura che presenti le suddette caratteristiche, occorre che il dipendente svolga compiti informatici che possano essere individuati nell’ambito delle attività previste dal contratto.
    La valutazione circa la sussistenza dei presupposti per l’erogazione dell’indennità in discorso e in merito alla graduazione della stessa in relazione alle mansioni svolte nell’ambito di un sistema informativo elettronico che abbia le caratteristiche definite dal
    CCRL si attestano alla competenza del datore di lavoro e della contrattazione aziendale. A questo riguardo, comunque, si ritiene
    che non possano essere considerate le mere attività di acquisizione, elaborazione o registrazione di dati in quanto, diversamente operando, ad avviso di questa Agenzia si ripristinerebbe di fatto la soppressa indennità video, per la quale era sufficiente l’utilizzo del computer, oggi divenuto diffuso, per elaborazioni di supporto alla propria attività lavorativa.

  380. Egr.Dott.Mineo,
    grazie per la risposta, in merito alla norma citata nella precedente risposta riferita alla intennità
    informatica urge una riflessione, qual’è la differenza tra il collega che si occupa del CED e colui che lavora online utilizzando programmi vari per tutto il periodo lavorativo giornaliero. la norna citata dall’Aran approvata dalle OO.SS. circa dieci anni fà nella parte giuritica a mio avviso oggi non va più bene perchè nel tempo il lavoro amministrativo si è evoluto, non parliamo di una mera indennità video ma di una mole di lavoro online che lo scrivente svolge girnalmente quindi non vi è differenza tra in dipendente che si ocupa di CED ed il sottoscritto OGGI. Alla luce di cui sopra tengo a sottolineare che il computer non è un supporto ma parte integrante del lavoro amministrativo con elaborazione dati ecc. Quanto sopra vi chiedo qual’è la vostra posizione come OO.SS. nel prossimo rinnovo contrattuale in merito al quesito di che trattasi.
    Cordialmente,Giuseppe.

  381. @Giuseppe
    Sicuramente il problema dell’indennità informatica dovrà essere affrontato per venire incontro anche alle esigenze di tutti coloro che non sono stati inquadrati nel nuovo ufficio informatico ma continuano a svolgere attività informatica all’interno dei propri dipartimenti.

  382. Gianni.
    Illustrissimo Dottor Mineo Buonasera,
    Vorrei dei chiarimenti in merito alla mia domanda di prepensionamento riguardante la Legge Regionale del 17 maggio 2016 n. 8, sono un dipendente dell’ERSU di Palermo ex Ente Acquedotti Siciliani di cui Ente art. 1 della legge Regionale 15 maggio 2000 n. 10.
    Nello specifico volevo sapere la mia domanda di prepensionamento tramite patronato se deve essere inviata all’INPS visto che i contributi l’Ersu di palermo li versa all’INPS SETTORE AGO ed tutta la mia contribuzione si trova all’INPS, oppure altra prassi.
    Ho diritto a questa norma Regionale che cita il prepensionamento fino al 2020 con la pre Fornero?
    Sono fra l’altro un lavoratore precoce, faccio di contribuzione 39 anni e sette mesi con 57 anni e due mesi di età al 31/12/2016, salvo provvedimenti del Governo a settembre 2016 per i precoci.
    L’INPS recepisce la legge Regionale Siciliana in questione?
    L’Ersu di Palermo deve dichiarare l’esubero?
    ho penalizzazione?
    Quanto si presume la mia uscita del lavoro?
    Onestamente negli uffici trovo molta insicurezza su tutta la mia questione del prepensionamento Legge Regionale come sopra indicato.
    La ringrazio della sua bontà con l’occasione le Auguro buone ferie.
    Cordiali saluti.
    Gianni.

  383. @Gianni
    Purtroppo la l.r. 17 maggio 2016 n. 8 ha lasciato i dipendenti degli enti “gabbati” e contenti.
    La formulazione dell’art. 1 a mio avviso non lascia, per il momento, speranza di prepensionamento.
    La legge, infatti, non parla di istanza di pensione da presentare entro una certa data, dice solamente che per consentire l’applicazione dell’istituto del prepensionamento al personale degli Enti, gli enti medesimi provvedono alla ridefinizione della propria dotazione organica.
    Suddetta norma è, a mio avviso, un modo come un altro per prendere tempo.
    Resta ferma, comunque, l’applicazione della norma nazionale secondo cui si applica la normativa pre-fornero qualora l’Ente di appartenenza dovesse dichiarare lo stato di esubero.
    https://benedettomineo.altervista.org/circolare-madia-414-prepensionamenti-pa-necessaria-una-situazione-di-soprannumero-o-di-eccedenza/

  384. Dott. Mineo, cortesemente, potrebbe dirmi in che data potrò andare in pensione con la legge Fornero.
    Sono un dirigente dell’Azienda Foreste siciliana; sono nato il 27/07/1959 e avrò, in data 31/12/2020, 39 anni e 5 mesi di contributi.
    Grazie.
    Saluti

  385. @Aristotele
    Mi parli di legge fornero e non pre-fornero.
    I requisiti fornero sono: pensione di vecchiaia 66 anni e 7 mesi fino al 2018, poi ci vogliono 66 anni e 11 mesi; pensione anticipata per raggiungimento del requisito contributivo 42 anni e 10 mesi fino al 2019, poi ci vorranno 43 anni e 2 mesi.
    Cmq qui trovi i necessari approfondimenti https://benedettomineo.altervista.org/un-chiarimento-per-tutti-coloro-che-chiedono-delucidazioni-sui-requisiti-per-accedere-alla-pensione-in-fondo-alla-pagina-i-requisiti-pre-fornero-inseriti-in-finanziaria/

  386. Egr. Dotto Mineo, ho sentito una proposta relativa alla buonuscita e vale a dire che la Regione la liquiderebbe dopo 24 mesi dalla data di messa in pensione del dipendente.
    E’ vera?
    Grazie e la saluto cordialmente.

  387. @Micro
    24 mesi dal conseguimento del requisito fornero

  388. Mi scusi, dott. Mineo, se insisto.
    Quindi si andrebbe in pensione a 68 anni e 7 mesi e non più a 66 anni e 7 mesi, come previsto dalla fornero. Quale legge ha stabilito tutto ciò?
    Vale solo per la Sicilia o per tutta l’Italia?
    Grazie sempre per le sue risposte.
    La saluto cordialmente.

  389. Egr. Dott. Mineo ho letto le 4 tabelle pubblicate sul suo sito: 2 relative alla legge Monti-Fornero (tabelle di vecchiaia e anticipata) e 2 relative alla pre-Fornero (tabella di vecchiaia e quella di anzianità dopo la riforma Sacconi). Essendo io andato in pre-pensionamento il 01/12/2015 con la LR.9/2015 (a 64 anni e 2 mesi di età e 35 anni e 11 mesi di contributi), essendo che entro il 2018 raggiungerò i 66 anni e 7 mesi di età (della legge Fornero o requisiti Fornero?), dovrei ricevere la buonuscita (secondo la tabella pre-Fornero) a 65 anni e 7 mesi. A questo punto dovrei aggiungere altri 24 mesi e vale a dire che riceverò la buonuscita a 67 anni e 7 mesi? Giusto? o mi sono sbagliato?
    Grazie e la saluto cordialmente.

  390. Egr. Dott. Mineo, mi scusi se insisto, ho letto le 4 tabelle pubblicate sul suo sito: 2 relative alla legge Monti-Fornero (tabelle di vecchiaia e anticipata) e 2 relative alla pre-Fornero (tabella di vecchiaia e quella di anzianità dopo la riforma Sacconi). Essendo io andato in pre-pensionamento il 01/12/2015 con la LR.9/2015 (a 64 anni e 2 mesi di età e 35 anni e 11 mesi di contributi), essendo che entro il 2018 raggiungerò i 66 anni e 7 mesi di età (della legge Fornero o requisiti Fornero?), dovrei ricevere la buonuscita (secondo la tabella pre-Fornero) a 65 anni e 7 mesi. A questo punto dovrei aggiungere altri 24 mesi e vale a dire che riceverò la buonuscita a 67 anni e 7 mesi? Giusto? o mi sono sbagliato?
    Grazie e la saluto cordialmente.

  391. @Micro
    Mentre per gli statali i termini di liquidazione della buonuscita decorrono dalla cessazione del rapporto di lavoro, l’art. 1 comma 8 della L.r 12/15 stabilisce i termini decorrano dalla data in cui si raggiunge il primo requisito pensionistico utile ai sensi della legge 201/2011.
    In caso di dimissioni da parte del lavoratore che ha maturato il diritto alla pensione anticipata, il termine è 24 mesi. Fatti un pò i conti.

  392. Egr. Dott. Mineo, per sola informazione, la informo che non mi ero sbagliato più di tanto quando le ho detto che avrebbero (la F.P.) iniziato a pagare la buonuscita all’età di 66 anni e 7 (requisito Fornero) più 24 mesi. La sola differenza sta nel fatto che, essendo andato in pensione entro il 2015, avrò la buonuscita 24 mesi dopo i 66 anni e 3 mesi e vale a dire 68 anni e 3 mesi (riguardo alla 1^ rata). La 2^ rata verrà erogata a 69 anni e 3 mesi (1 anno dopo) e il saldo a 70 e 3 mesi (altro anno in più). Questo è quanto mi hanno comunicato alla F.P. Già mi immagino… gli altri colleghi che devono andare in pensione entro il 2018-2020.
    Ma il v/s Sindacato e gli altri Sindacati niente possono dire (o fare) su questa ingiustizia?
    Grazie sempre per la sue cortesi risposte e la saluto cordialmente.

  393. Egr. Dott. Mineo, cortesemente, può dirmi se è possibile fare ricorso a questa ingiustizia relativa ai 24 mesi in più per la buonuscita?
    Non bastava già la (legge forca!) della fornero (63 anni e 7 mesi) per avere la buonuscita?
    Grazie.
    Cordialmente

  394. @Micro
    A breve vi informeremo di ciò che stiamo per intraprendere.

  395. Dott. Mineo, mi scusi, ma si sa niente ancora su quella legge forca (alias 24 mesi dopo i requisiti Monti-Fornero) per i SOLI (!!!) pre-pensionati della LR 9/2015?
    Grazie e cordialmente.

  396. Egr. Dott. Mineo, le vorrei porgere una domanda, sempre sulla buonuscita, sperando che mi possa dare una risposta: io so che chi ha fatto domanda di prepensionamento con la LR 9/2015 (sia contratto 1 che 2) dovrebbero percepire la buonuscita dopo 24 mesi (circolare n. 154 INPS) dal raggiungimento dei requisiti Monti-Fornero e vale a dire dopo i 66 anni e 7 mesi di età (entro il 2018, dopo diventano 66 e 11). Ho appreso, però, proprio oggi, con piacevole meraviglia, che un collega (con contratto 1 e istanza con la LR 9/2015) è andato in prepensionamento il 01/09/2015 e ha già incassato la 1^ rata della buonuscita (oggi ha 65 e 3 mesi di età). Come è possibile una cosa del genere?
    Lei, cortesemente, sa se è cambiato qualcosa in merito alla liquidazione della buonuscita?
    In quanto mi hanno riferito (ma non so se è vero) che hanno discusso alla Regione il problema della buonuscita decidendo di corrispondere subito (almeno) la 1^ rata per evitare,a quanto pare, moltissimi ricorsi in merito alla liquidazione dei 24 mesi dopo i requisiti M-F?
    Grazie e la saluto cordialmente

  397. Ha senso non accettare le domande di prepensionamento presentate dopo il 15 novembre 2015 , pur avendo i requisiti contributivi e anagrafici, come il compagno di stanza?Giuridicamente era un concorso o permetteva l’uscita con i requisiti preFornero?Ing.Gaspare Barraco.Marsala.

  398. Intanto è avvenuto quello che ho detto e non capisco il perché.
    Alla FP mi avevano detto (e mi è stato confermato per due volte!) che chi andava in prepensionamento (sia contratto 1 che 2) avrebbero percepito la buonuscita dopo 24 mesi avere raggiunto i requisiti Monti-Fornero (peraltri il pagamento sarebbe dovuto avvenire entro 27 mesi altrimenti scattavano gli interessi). Come è possibile allora che un collega con contratto 1 ha già incassato la 1^ rata di buonuscita, avendo peraltro 65 anni e 5 mesi?
    Qui (credo) non c’entra la (presunta) raccomandazione.
    Oppure chi mi ha informato (alla FP) non capisce un c…
    Resta sempre il mistero…

  399. Essendo stato assunto in amministrazione reg.le il 2-5-89, in possesso del decreto di ricongiungimento di anni 14 di contributi INPS (importo di riscatto già interamente versato a suo tempo) nato il 16-1-54, sulla base della tabella requisiti Fornero maturerei quello contributivo di 42 anni e 10 mesi al 2-3-2018. Le chiede entro quanto tempo prima si deve presentare l’istanza di collocamento in quiescenza e cosa significa nella tabella Penalità SI. Grazie per l’attenzione.

  400. @Antonello Magro
    Leggendo il commento, mi pare di capire che non hai presentato istanza di prepensionamento ai sensi della legge regionale 9/15. Ad ogni modo, il termine di preavviso é di 4 mesi. Ricordati di specificare che chiedi il collocamento in quiescenza per raggiungimento del requisito contributivo massimo.
    Per quanto riguarda le penalizzazioni, queste sono previste (illegittimamente) dalla sopra citata legge 9/15. Queste penalizzazioni sono a maggior ragione illegittime per te che non hai neppure usufruito del prepensionamento.
    Ti consiglio di rivolgerti a un legale.

Comments are closed.